Il tuo Angiologo a Milano,
per gambe belle e sane.
Da oltre 30 anni, l'eccellenza specialistica per le tue gambe.
Un mondo di salute e benessere per le tue gambe, frutto della costante ricerca medica specialistica della Dott.ssa Luisella Troyer:
Il tuo angiologo di eccellenza a Milano
Il tuo Angiologo a Milano,
per gambe belle e sane.
Un mondo di salute e benessere per le tue gambe, frutto della costante ricerca medica specialistica della Dott.ssa Luisella Troyer:
Il tuo angiologo di eccellenza a Milano
Da oltre 30 anni, l'eccellenza specialistica per le tue gambe.

Dott.ssa Luisella Troyer
Chirurgo Vascolare Angiologo a MilanoAngiologo a Milano

Specialista in Chirurgia Vascolare
Perfezionata nel trattamento del linfedema e del lipedema

Migliaia di casi clinici trattati con successo.
20 anni di Chirurgia Vascolare.
Alta diagnostica non invasiva.
L'esperienza nel trattamento delle linfopatie.
La costante ricerca medica sul lipedema.
Oltre trent'anni d'esperienza per curarti.
Il tuo Angiologo a Milano.

Dottoressa Luisella Troyer Chirurgo Vascolare a Milano

Hai un problema?
Chiedi aiuto alla
Dott.ssa Luisella Troyer.
È QUI PER AIUTARTI,
SEMPRE.

Richiedi ora l'aiuto della
Dott.ssa Luisella Troyer
Lasciaci ora il tuo numero, e ti richiameremo subito.
Riceverai una chiamata entro 24 ore

I miei pazienti dicono:
‟Molto competente, empatica e precisa, mi ha dato diverse soluzioni per risolvere il mio problema.” Stella
‟Grandissima professionista, competente, attenta ed esaustiva nelle spiegazioni della propria patologia. Grandi professionisti tutti, attenti ad ogni esigenza, ambiente amichevole-familiare." Nicoletta
‟Professionista molto empatica, umana, gentile, disponibile a fornire chiarimenti e spiegazioni dettagliate. La visita è durata tutto il tempo necessario, senza fretta. Molto consigliata." Andrea

Attenzione: quest'articolo tratta di materie a carattere medico scientifico.
Per quanto le informazioni in esso contenute siano state selezionate e riportate con cura e con la massima precisione scientifica, non possono e non potranno mai sostituire il parere di un Medico o una visita medica specialistica, e debbono pertanto essere utilizzate per uso esclusivamente informativo.
In caso di dubbi e o domande, chiedi sempre consiglio ad un Medico.

Quest'articolo è stato aggiornato dalla Dott.ssa Luisella Troyer il giorno: martedì 05 marzo, 2024

Prenota una visita con la Dott.ssa Luisella Troyer su Miodottore.it
Luisella Troyer - MioDottore.it

I danni del sole sulla pelle

I danni del sole sulla pelle

Sei un’amante della tintarella a tutti i costi?

Credi che avere la pelle abbronzata sia un abbellimento, e che prendere il sole a tutte le ore del giorno, sulla spiaggia rovente, sia ‘benefico per la salute’, oppure che faccia bene ‘contro i reumatismi’?

Purtroppo, sei cresciuta con informazioni sbagliate e pericolose, che possono portare a comportamenti irresponsabili e, potenzialmente, estremamente dannosi per il tuo corpo.

L’abbronzatura, la tintarella e l’eccesso smodato di raggi solari è il primo nemico naturale della tua pelle, oltreché il primo fattore peggiorativo del naturale invecchiamento fisiologico.

Leggi questa pagina scritta dalla Dott.ssa Luisella Troyer, Chirurgo Vascolare con grande esperienza nel contrasto all’invecchiamento e alla lassità della pelle, per scoprire i reali effetti dell’irraggiamento solare sul nostro fisico.

E poi, per il tuo bene ed interesse, comincia magari a pensare di cambiare abitudini e stili di vita.

Il sole, la nostra fonte di energia primaria

Safenectomia a Milano
Il sole è la stella più vicina alla Terra, centro del relativo sistema solare e fonte primaria di energia per il nostro pianeta

Il sole è la stella più vicina al nostro pianeta, oltreché centro di gravità di un complesso circolo di altri pianeti, chiamato per l’appunto sistema solare.

Come tutte le stelle, il sole è una gigantesca massa di idrogeno iper-compresso dalla gravità che, proprio grazie all’aumento spaventoso di temperatura che la pressione della gravità ha comportato, miliardi di anni fa si è ‘acceso’, dando origine ad un’immensa fornace nucleare.

Sotto l’enorme pressione di una così gigantesca massa di idrogeno, gli atomi dello stesso gas si sono riscaldati sempre di più, arrivando a fondersi tra di loro, dando origine quindi a nuclei di elio.

Come sottoprodotto di questa immensa fusione nucleare naturale, vengono disperse, ben oltre l’atmosfera solare, una grande quantità di particelle cariche di energia, come i fotoni (la luce).

L’energia che emana il sole durante la sua costante fusione nucleare ha effetti drammatici su tutti i pianeti che gli ruotano attorno, ne ha determinato, ne determina e ne determinerà per sempre aspetto, atmosfera e, non meno importante, la possibilità di ospitare la vita biologica per come noi la conosciamo.

Pelle invecchiata dal sole che vuoi ringiovanire?
Chiedimi aiuto ora

La luce visibile e gli ultravioletti

Safenectomia a Milano
La luce bianca che proviene dal sole è in realtà una somma di tre frequenze ben definite: rosso, verde e blu.
Assieme, queste tre lunghezze d'onda formano la luce visibile ai nostri occhi, chiamata iride

I fotoni, residuo della fusione nucleare del sole, viaggiando alla velocità della luce (circa 300.000 Km al secondo) impiegano circa otto minuti e mezzo per raggiungere la Terra, illuminando la nostra atmosfera, riscaldando il nostro pianeta e, in buona sostanza, permettendo la vita.

La luce che percepiamo con i nostri occhi è solo una piccola parte della radiazione elettromagnetica, ossia dei fotoni: in realtà, essi, viaggiando dal sole verso di noi, ‘vibrano’ come se fossero corde di violino, dando origine a diverse onde elettromagnetiche, delle quali percepiamo solo un segmento, che è chiamato iride (o luce visibile).

Maggiore è l’energia che i fotoni hanno, maggiore è la frequenza a cui vibrano.

Essendo dotati di capacità ondulatoria, i fotoni, vibrando, hanno anche una lunghezza d’onda, che è estremamente ampia: da decine di chilometri a misure ridottissime, tipo il picometro (10 alla -12 metri!).

L’occhio umano, grazie alla retina (il nostro sensore bio-elettrico naturale), riesce a percepire i fotoni in un certo intervallo di lunghezza d’onda, che va dai 700 nm (1 nanometro = 1 miliardesimo di metro) ai 400 nm.

Sotto i 400 nm e oltre i 700 nm siamo completamente ciechi ai fotoni, ma ciò non vuol dire che essi non siano comunque presenti.

Grossomodo, la luce che riusciamo a percepire con i nostri occhi varia dal rosso, frequenza minima di limite della nostra retina, al blu-violetto, frequenza invece massima percepibile.

I fotoni che arrivano dal sole sono estremamente carichi di energia, e coprono più o meno tutto lo spettro elettromagnetico.

Safenectomia a Milano
La luce visibile ai nostri occhi è compresa con una lunghezza tra i 390nm e i 760 nm

Anche se non possiamo vederli oltre il violetto, i fotoni molto energetici possono comunque essere ‘sentiti’ dai nostri recettori di temperatura, sparsi ovunque sulla nostra cute.

Difatti, il ‘calore’ percepito quando ci esponiamo al sole, che diventa cocente durante i mesi estivi, ci avverte che una grande quantità di energia sta comunque impattando sul nostro corpo.

In gergo tecnico, si parla di raggi ultravioletti (spesso accorciati come raggi UV, UltraVioletto) per descrivere la lunghezza d’onda dei fotoni che va dai 400 nm ai 10 nm.

Safenectomia a Milano
I raggi ultravioletti (raggi UV) sono la luce con lunghezza d'onda immediatamente inferiore ai 390nm, e per questo non rilevabili dai nostri occhi

Questi raggi, che costantemente impattano sulla Terra, sono un pericolo per noi organismi biologici, poiché la loro energia residua è così elevata da danneggiare i legami molecolari delle nostre cellule, causando pericolosi danneggiamenti e, in casi non rari, mutazioni del DNA mitocondriale.

Pelle invecchiata dal sole che vuoi ringiovanire?
Chiedimi aiuto ora

L’ozono: la protezione del pianeta a difesa della vita

L'ozonosfera della Terra
L'ozonosfera della Terra
La Terra è ricoperta da una densa atmosfera di gas, composta principalmente da azoto ed ossigeno.
L'ozono è una forma allotropica proprio dell'ossigeno, che si forma spontaneamente a oltre 25 Km dal suolo, per via dei raggi solari.
Grazie all'ozono, la Terra è un luogo sicuro per le forme di vita biologiche basate sul carbonio, poiché il gas assorbe e deflette gran parte della radiazione ultravioletta nociva

L’ozono (dal greco ὄζειν, ózein, cioè odore) è una forma allotropica dell’ossigeno, cioè una sua manifestazione specifica contraddistinta, a livello spaziale, da una molecola di tre atomi del gas.

È un gas che, come il nome suggerisce, ha un suo odore specifico che molte persone riescono a percepire, ed è particolarmente concentrato nell’atmosfera alta terrestre, superiore ai 25 Km di altezza.

Lì, in quella che viene chiamata appunto ozonosfera, l’ozono si forma spontaneamente proprio grazie ai raggi solari, e forma una vera e propria ‘bolla di protezione’ attorno a tutto il pianeta.

Questo scudo di ozono ha un compito imprescindibile per la vita terrestre come noi la conosciamo: la sua conformazione riesce a ‘schermare’ il pianeta dai raggi solari con lunghezze d’onda che vanno dai 200 nm ai 315 nm circa, quindi nello spettro dei raggi ultravioletti.

Grazie all’ozonosfera, dunque, solo una piccola parte dei raggi Uv riesce a penetrare nell’atmosfera, limitando dunque fortemente il loro effetto nocivo sugli organismi biologici.

Pelle invecchiata dal sole che vuoi ringiovanire?
Chiedimi aiuto ora

Il carcinoma basocellulare è un tipico tumore della cute, che ha origine, come il nome lascia intendere, dallo strato basale della pelle.

Conosciuto anche come epitelioma è, statisticamente, il più comune dei tumori, fortunatamente il più trattabile e quello da cui, se preso per tempo, si guarisce quasi sempre totalmente.

La correlazione tra aumento di probabilità di sviluppo di un epitelioma e l'esposizione diretta ai raggi solari è già nota alla Medicina da prima della Seconda Guerra Mondiale.

Tale rischio statistico aumenta se il soggetto esposto al sole ha pelle con fototipo chiaro.

I raggi ultravioletti: il nemico numero uno della nostra pelle

I raggi ultravioletti sono quella parte della luce che si trova immediatamente sotto la lunghezza d’onda massima percepibile dalla nostra retina, ossia poco sotto i 400 nm.

Convenzionalmente secondo lo standard ISO, la radiazione ultravioletta, chiamata ormai universalmente con l’acronimo di UV, sebbene sia compresa tra i 400 nm e i 700 nm, per praticità è sotto-suddivisa in micro intervalli.

In Medicina e per lo scopo di questo articolo, i primi tre intervalli sono quelli che ci interessano, e sono:

  • Ultravioletto A (UV-A) dai 400 nm ai 10 nm
  • UItravioletto B (UV-B) dai 400 nm ai 315 nm
  • Ultravioletto C (UV-C) dai 280 nm ai 100 nm

Questi intervalli di lunghezza d’onda sono particolarmente pericolosi per gli esseri biologici, poiché non vengono efficacemente assorbiti dall’ozonosfera, e riescono dunque ad arrivare a noi.

I raggi UV, special modo i raggi UV-B e UV-A, colpendo i tessuti della nostra cute, causano eccitazione del DNA delle cellule della pelle, spesso danneggiandolo irreparabilmente.

Le cellule danneggiate vengono rimpiazzate dal nostro corpo, forzando di fatto il naturale turn-over cutaneo in maniera abnorme, e questo di fatto causa invecchiamento della pelle e danno biologico.

La radiazione UV ionizza le molecole del DNA della cute, quindi trasforma i legami molecolari in qualcos’altro rispetto allo ‘stampo originale’, e questo genera, abbastanza facilmente, pericolose mutazioni, che danno spesso origine a neoplasie, cioè tumori della pelle (i basaliomi, ad esempio).

Pelle invecchiata dal sole che vuoi ringiovanire?
Chiedimi aiuto ora

L’abbronzatura e la melanina

Abbronzatura e invecchiamento della pelle: una correlazione scientificamente provata
Il sole invecchia la pelle, causando danno biologico irreversibile
L'abbronzatura è una difesa estrema della pelle, che tenta di proteggersi dai dannosi raggi UV.
Questo genera danneggiamento biologico ed invecchiamento precoce della cute

Il corpo umano, com’è noto, è una struttura biologica complessa che, nel corso dell’evoluzione, si è dotata di strumenti specifici per adattarsi all’ambiente circostante e permettersi quindi la sussistenza come specie.

Nello specifico, la pelle umana ha un meccanismo di protezione dai dannosi raggi UV provenienti dal sole, che è chiamato abbronzatura.

I melanociti, cioè particolari cellule della cute, producono un pigmento scuro, di tono variabile, chiamato melanina.

La produzione di melanina normale, decisa geneticamente da soggetto a soggetto e che dona il tipico colorito personale, viene aumentata e sollecitata dall’impatto dei raggi UV.

I melanociti, sotto la luce del sole, aumentano quindi la produzione di melanina e il suo accumulo nell’epidermide, dando origine all’abbronzatura, cioè la modifica del colorito naturale del soggetto, che diviene più scuro.

L’abbronzatura è un fenomeno che riguarda tutti gli esseri umani, anche i soggetti già dotati di pelle scura come il fenotipo negroide.

Solo una particolare mutazione del genotipo umano, chiamata albinismo, non permette ai soggetti portatori la produzione di melanina, rendendoli quindi particolarmente vulnerabili all’azione nociva dei raggi UV.

La schermatura della melanina blocca in maniera più o meno efficace i raggi UV-B, ma è molto meno efficace sui raggi UV-A, e comunque non è sufficiente a bloccare completamente tutti i raggi ionizzanti dannosi.

L’abbronzatura è dunque una difesa estrema del corpo, che ha dei limiti strutturali: con esposizioni prolungate, i melanociti non riescono a produrre sufficienti quantità di melanina per bloccare tutti i raggi UV-B, che causano quindi danni biologici.

Pelle invecchiata dal sole che vuoi ringiovanire?
Chiedimi aiuto ora

Anche la pelle delle palpebre è particolarmente sensibile ai dannosi raggi UV, come qualsiasi altra parte del corpo.

Un'esposizione prolungata al sole delle palpebre senza le opportune protezioni causa un invecchiamento delle stesse, un deciso aumento delle rughe e un contemporaneo aumento della ptosi palpebrale, che da origine al cosidetto 'occhio stanco'.

Per prevenire questo danneggiamento, basta molto poco: un buon filtro solare e un bel paio di occhiali di qualità, con lenti con filtro anti-UV.

Va ricordato che gli occhiali da sole a basso o bassissimo costo, solitamente disponibili per pochi Euro in centri commerciali, online o banchetti al mare, solitamente offrono un livello di protezione dai raggi UV pessimo, se non del tutto assente.

È quindi meglio spendere un po' di più per occhiali da sole di qualità e di marca, con lenti certificate e sicuramente efficaci contro i dannosi raggi UV.

Un buon paio d'occhiali da sole di qualità dura anni ed anni, se ben tenuto, protegge egregiamente la pelle delle palpebre e la retina e si ripaga facilmente nel tempo.

La moda dell’abbronzatura e la mania della ‘tintarella’: un fenomeno insensato di recente acquisizione

Elioterapia in un sanatorio a Cortina d'Ampezzo
Ad inizio 1900, le convinzioni mediche di allora credevano che l'esposizione solare potesse portare giovamento per alcune patologie, come ad esempio la tubercolosi.
L'elioterapia rimase in uso sino a fine anni '30, quando la Medicina finalmente si accorse, senza neppure troppo sforzo, che l'esposizione prolungata ai raggi del sole aveva una diretta connessione con lo sviluppo dei tumori della pelle, come i basaliomi

Sino alla fine dell’800, anche se a corto di nozioni scientifiche moderne, la popolazione aveva già intuito che l’esposizione prolungata ai raggi solari era deleteria per la vita e per la pelle.

Non a caso, la pelle abbronzata e bruciata dal sole era considerata di pessimo gusto in pressoché tutta Europa, nonché indicativa di un certo status sociale basso.

Contadine, mondine, pastorelle, insomma popolane e donne di fatica varie avevano una pressoché unica caratteristica: la pelle abbronzata, segno della loro forzata esposizione giornaliera al sole, per il necessario lavoro nei campi.

Lo stesso valeva per gli uomini, ovviamente.

La nobiltà, l’alta borghesia e, in sostanza, chi era abbastanza ricco da permettersi di pagare chi lavorasse al proprio posto, ovviamente non aveva bisogno di bruciarsi la pelle sotto al sole.

Già in epoca romana il colorito di pelle più ambito e desiderato dalle giovani donne nobili era quello bianco, e per ottenerlo molte patrizie abbienti non esitavano a spendere molto danaro in (oggigiorno) improponibili trattamenti di bellezza, come il bagno in tinozze piene di latte di capra (o mula).

Nella Venezia della Repubblica della Serenissima, il candore della pelle delle donne era un motivo di vanto, che dava il meglio di sé se abbinato al colore biondo dei capelli.

Anche in questo caso, per ottenere la ‘combo’ estetica più ambita, le donne spendevano cifre considerevoli in più o meno efficaci trattamenti di bellezza.

La pelle bianca delle donne nel rinascimento
La pelle bianca ed immacolata è stata, per millenni, il colorito più desiderato ed ammirato nelle donne europee, mentre la pelle abbronzata e bruciata dal sole era sempre associata a lavori umili e faticosi, come l'agricoltura e la pastorizia

Del resto, basta leggere Omero e i suoi mitici poemi per capire quando la pelle bianca e vellutata fosse caratteristica imprescindibile delle dee e delle divinità in generale, con a capo la famosa Afrodite, che spesso veniva a discutere (e alle mani) con Pallade Atena per chi delle due avesse la pelle più bianca e desiderabile.

Non vi è un solo pittore del passato che abbia enfatizzato la pelle abbronzata nel dipingere nudi e ritratti femminili: già questo dovrebbe dare l’idea di quanto la tintarella fosse considerata non un abbellimento estetico, ma un difetto da evitare assolutamente.

La moda dell’abbronzatura come vezzo estetico è molto recente, ed è un fenomeno esclusivamente occidentale partito grossomodo all’inizio del XX secolo.

Non si conosce bene l’esatto motivo dell’inversione di tendenza che spingerà la società europea in primis ed americana poi ad invertire il concetto di bellezza della pelle, ma già sul finire degli anni ’20 l’abbronzatura era divenuta una moda diffusa praticamente ovunque in Europa.

La pelle bianca delle donne nel rinascimento
"La nascita di Venere", di Alessandro 'Sandro' Botticelli, 1485
Da molti considerata la perfezione estetica della donna rinascimentale, la candida bellezza della Venere del Botticelli è un ottimo esempio di come era considerata 'piacente' la pelle delle donne dell'epoca

All’inizio, complice l’ignoranza scientifica di allora e grossolane ricerche mediche, si pensava che l’esposizione solare producesse comunque dei benefici terapeutici, soprattutto nei casi di tubercolosi.

L’elioterapia, come veniva chiamata all’inizio del ‘900, era una pratica diffusa nei sanatori europei, del tutto immotivata secondo il principio scientifico odierno ma che, all’epoca, era praticata con assiduità.

Del resto, molti Medici di inizio secolo, la consigliavano anche ai bambini piccoli, per tenerli lontani dal feroce morbo della TBC.

I motivi di questa virata di gusti, scientificamente insensata e che riguarda esclusivamente la popolazione occidentale sono solo ipotizzabili, ma comunque non giustificabili a livello medico: da una supposta minore visibilità delle rughe (in realtà, è il contrario) all’azione ‘cosmetica’ che molti ritengono di sperimentare con la pelle abbronzata.

C'è da dire che questo fenomeno è partito dai paesi europei con poca esposizione alla luce solare durante l'annata, come ad esempio la Germania ed i paesi scandinavi.

Se un tempo avere la pelle bianca era simbolo di nobiltà e ricchezza, nel post rivoluzione industriale, in Paesi avanzati e già ricchi come la Germania di inizio '900, avere la pelle abbronzata significava invece avere soldi da spendere per le vacanze in posti caldi e soleggiati.

Questo nuovo status symbol si è poi espanso a macchia d'olio, tanto che la famosa Coco Chanel, stilista francese fondatrice dell'omonima casa, fu una delle prime donne famose ad usare sistematicamente l'abbronzatura come nuovo 'livello di stile'.

In realtà, non vi sono reali motivi fisici o medici o anche estetici per preferire la pelle abbronzata: già dagli anni ’30 dello scorso secolo si è appurato che la prolungata esposizione ai raggi solari non solo non serve a nulla e non ha alcun fine terapeutico, ma aumenta in maniera abnorme la percentuale di rischio di tumore della pelle.

Il carcinoma basocellulare (basalioma) e il carcinoma spinocellulare sono tipici tumori della pelle spesso originati da un’esposizione anomala od eccessiva alla luce solare, ad esempio.

Pelle invecchiata dal sole che vuoi ringiovanire?
Chiedimi aiuto ora

La vitamina D è una molecola indispensabile per il nostro corpo, che è sintetizzata dall'organismo grazie all'esposizione ai raggi solari diretti.

Datosi che la vitamina D è indispensabile per consolidare l'assorbimento del calcio nelle ossa, un certo marketing cosmetico e un certo interesse del settore vacanziero fa spesso credere, erroneamente, che è necessario abbronzarsi per produrre sufficienti quantità della vitamina.

In realtà, ciò non è assolutamente vero: basta difatti una normale e quotidiana esposizione al sole, con una semplice passeggiata non troppo coperti, per produrre sufficienti quantità di vitamina D.

Non è dunque obbligatorio mettersi a cuocere sotto la canicola delle ore più calde della giornata (comportamento senza alcuna giustificazione razionale), ma basta semplicemente... Uscire di casa e vivere.

Quali sono i danni che l’esposizione al sole fa alla pelle?

I raggi UV-A e UV-B dell’energia solare sono classificati come ionizzanti, cioè con abbastanza energia da modificare i legami molecolari del DNA delle cellule della pelle, causando quindi danneggiamenti e malformazioni.

La protezione dell’abbronzatura è una difesa estrema del corpo a questi raggi, ma non è sufficiente a bloccarli completamente, né ad impedire il danneggiamento delle cellule della cute dovute all’alta energia dei fotoni.

Esposizioni prolungate e dirette alla luce del sole senza adeguate protezioni comportano sempre danni biologici, alcuni riparabili dal nostro corpo, altri che danno origine a formazioni tumorali.

Ecco tutti i danni e le correlazioni patologiche dell’esposizione prolungata ai raggi del sole:

  • Invecchiamento precoce della pelle;
  • Formazione di rughe e macchie solari;
  • Aumento della possibilità di sviluppo di forme tumorali della pelle (carcinomi basocellulari o carcinomi spinocellulari);
  • Danno biologico del normale turn-over delle cellule della cute;
  • Trasformazione di nevi benigni in melanomi (sul lungo periodo)

È bene notare che l’invecchiamento della cute è un fattore fisiologico, a cui tutti andiamo incontro, che al momento non si può invertire ma solo tamponare.

I raggi UV aumentano questo inevitabile invecchiamento, peggiorando la qualità della pelle, diminuendone l’idratazione naturale e la qualità e quantità di collagene e, in sostanza, portando ad un suo precoce prolasso, con la formazione delle rugosità.

Pelle invecchiata dal sole che vuoi ringiovanire?
Chiedimi aiuto ora

La moda dell'abbronzatura, un tempo considerato un difetto estetico di gente di basso livello sociale, è una delle cattive abitudini che però, sia per colpevole ignoranza scientifica che per questioni biecamente commerciali, non accenna a morire.

Tale moda è diffusa esclusivamente in Occidente, e i motivi di tale assurda pratica sono da ricercarsi nell'errata convinzione dell'inizio dello scorso secolo, quando la rozza Medicina dell'epoca attribuiva ai raggi solari inesistenti proprietà curative.

In realtà, ad ogni abbronzatura la nostra pelle soffre un danno biologico che, anno dopo anno, la porta ad una precoce vecchiaia, con diminuizione del suo fattore d'idratazione naturale, minore qualità e quantità di collagene, prolasso cutaneo e rughe.

Cosa si può fare per proteggersi dai raggi UV?

L'uso dei filtri solari: un obbligo per tutti?
L'uso dei filtri solari è obbligatorio per qualsiasi tipologia di pelle, per qualsiasi stato di abbronzatura

Appurato che i raggi UV sono sempre nocivi, in ogni situazione di esposizione prolungata, il rimedio è conseguente: evitare l’esposizione diretta e prolungata al sole.

Ciò non vuol dire evitare tout-court l’esposizione solare, ovviamente: siamo organismi adattati alla vita di superficie e, entro certi limiti, la nostra pelle è in grado di proteggersi, tramite la produzione di melanina, da una certa quantità di raggi UV.

Il fattore discriminante è quanta di questa quantità di raggi UV assorbiamo e in quanto tempo: è qui che si fa la differenza tra regolare esposizione al sole ed esposizione malsana e pericolosa.

Quindi, si dovrebbe evitare assolutamente l’esposizione integrale al sole nelle ore più calde della giornata (indicativamente, dalle 9.00 di mattina sino a poco prima del tramonto), si dovrebbero indossare opportuni indumenti leggeri e rifrangenti i fotoni (possibilmente, cotone o lino di colorazione chiara), si dovrebbero utilizzare gli opportuni occhiali da sole con lenti con filtro UV e, ovviamente, gli opportuni filtri solari.

Soprattutto questi ultimi, cioè i filtri solari, sono l’arma in grado di fare davvero la differenza durante tutta l’estate, che andrebbero utilizzati sempre, a prescindere dal fenotipo della pelle del soggetto, e non solo al mare o in villeggiatura, ma anche nella vita cittadina quotidiana.

Pelle invecchiata dal sole che vuoi ringiovanire?
Chiedimi aiuto ora

Spesso, sui media (anche autorevoli) si parla di 'abbronzatura in sicurezza'.

La parola 'sicurezza' accanto ad 'abbronzatura' è però sempre fuori luogo, per un motivo molto semplice: l'abbronzatura è una protezione disperata della nostra pelle, un ultimo (costoso) baluardo contro i danni delle radiazioni ionizzanti portate dal sole.

Anche rispettando tutte le buone norme di comportamento, utilizzando il miglior filtro solare col più alto fattore SPF, non c'è mai la sicurezza che i raggi del sole non possano causare danni permanenti alla pelle.

I raggi UV sono tossici e pericolosi per il DNA delle cellule cutanee sempre, a prescindere.

Ovviamente, tale pericolo aumenta con il tempo di esposizione e la modalità della stessa: maggiore è il tempo che si sta sotto al sole, specie nelle ore più calde, e maggiore sarà il pericolo di danneggiamento della pelle.

I filtri solari possono parzialmente ridurre questo pericolo, ma nessun filtro può garantire al 100% la protezione totale contro i raggi UV.

Cosa sono i filtri solari?

L'uso dei filtri solari: un obbligo per tutti?
I filtri solari sono delle creme che formano una patina protettiva sulla pelle, aiutandola (entro certi limiti) a proteggersi dai raggi UV

In cosmetica, si definisce ‘filtro solare’ un particolare preparato topico, spalmabile o spruzzabile, che aumenta il grado di protezione della pelle contro i nocivi raggi UV-A e UV-B.

Questa protezione è data dalla capacità del composto, una volta applicato sopra la cute, di riflettere e disperdere le radiazioni ionizzanti UV, e dunque di non farle entrare in contatto diretto con la cute.

Ne esistono in commercio di molti tipi e marche, distinti essenzialmente da quello che viene chiamato fattore di SPF (Sun Protection Factor).

L’SPF è un identificatore per il filtro solare, che indica quanto questi riesce a proteggere la pelle dai raggi UV.

La scala dei valori SPF è una scala numerica, che va da SPF 2 a SPF 50+ (maggiore di 50).

Per legge, anche se il valore minimo è SPF 2, le protezioni solari devono avere un valore minimale di SPF 6: sotto tale soglia, il prodotto non può essere definito ‘protezione solare’ ma semplicemente ‘abbronzante’, e la sua utilità contro i raggi UV è trascurabile.

Filtri con protezione oltre SPF 50, un tempo chiamati ‘protezione totale’, possono anche omettere l’esatto numero SPF, ma generalmente lo includono comunque, per questioni di marketing.

La scelta della protezione col giusto SPF è soggettiva, e dipende dal fototipo di pelle, dalla tendenza o meno all’arrossamento, dalla quantità di esposizione solare che si prevede di prendere.

Tutte le protezioni, comunque, a prescindere dal loro fattore SPF, non garantiscono una protezione al 100% dai dannosi raggi UV, ma sono di grande aiuto alla pelle per difendersi molto meglio.

Pelle invecchiata dal sole che vuoi ringiovanire?
Chiedimi aiuto ora

I filtri solari non permettono l’abbronzatura, è vero?

Assolutamente falso.

La pelle si abbronza comunque, con qualsiasi filtro solare di qualsiasi fattore SPF.

Questo perché nessun filtro, anche il migliore e più costoso in circolazione, garantisce una protezione al 100% contro i raggi UV.

Di conseguenza, la pelle reagisce all’esposizione solare dei raggi comunque penetrati attraverso il filtro, producendo melanina.

Da qui l’abbronzatura, che regolarmente si manifesta.

I filtri solari, specie quelli di qualitè e con alto fattore SPF (50+) sono necessari per ogni fototipo di pelle, ad ogni età e per qualsiasi esposizione prolungata al sole: aiutano la cute a proteggersi, e riducono il rischio di ustioni, eczemi, macchie solari e formazioni tumorali.

Pelle invecchiata dal sole che vuoi ringiovanire?
Chiedimi aiuto ora

Un eczema solare, o dermatire da sole, è un'eruzione cutanea localizzata, che causa rossore, bruciore, prurito e dolore al tatto.

L'eczema solare si manifesta dopo una prolungata esposizione ai raggi UV senza adeguate protezioni, specie se la pelle non ha ancora prodotto un sufficiente strato di melanina.

È un fenomeno abbastanza frequente nei primi giorni di mare ed esposizione al sole, solitamente nei soggetti che non rispettano le buone norme comportamentali e prendono la 'tintarella' senza filtri solari (o con filtri con SPF basso, di scarsa qualità).

L'eczema solare è una vera e propria ferita della cute, che appare scottata e che impiega molti giorni per guarire, con la caratteristica 'squamatura' data da pelle morta ed espulsa dal corpo gradualmente.

Prendere il sole ed abbronzarsi fa bene al corpo: è vero?

No, decisamente no.

L’abbronzatura è una reazione disperata della nostra pelle ad un attacco massiccio di raggi ionizzanti, ed è estremamente ‘faticosa’ per il turn-over delle cellule della cute.

Per rigenerarsi dai danni subiti, la pelle deve effettuare un super-lavoro extra, e questo causa sempre un danneggiamento biologico.

Ciò, se prolungato nel tempo, porta ad un inevitabile invecchiamento precoce.

Sebbene l’esposizione solare, entro certi limiti, sia necessaria al nostro corpo per sintetizzare la vitamina D, l’iper-esposizione che causa l’abbronzatura non è terapeutica, non porta vantaggi biologici di alcun tipo, non è nota come cura a nessuna patologia conosciuta.

Anzi, come detto in precedenza, l’abbronzatura porta sempre un danneggiamento biologico della pelle, invecchiandola.

Pelle invecchiata dal sole che vuoi ringiovanire?
Chiedimi aiuto ora

Ma se tutti prendono il sole e si abbronzano, un motivo ci sarà!

No, non vi è un solo motivo scientifico serio e razionale per danneggiare la pelle esponendosi per lunghi periodi al sole.

In realtà, spesso la gente (che, sovente, si comporta esattamente come uno sciame d’insetti, senza una precisa volontà singola) fa cose senza alcuna motivazione logica, semplicemente per sentito dire o, cosa forse peggiore, per evitare di essere additata come ‘diversa’ da un gruppo sociale o una comunità.

Sebbene sia da decenni noto, senza alcun dubbio e con supportati dati scientifici, che l’esposizione solare sia deleteria per la pelle e vi sia una comprovata connessione con essa e l’insorgenza di tumori come carcinomi basocellulari e carcinomi spinocellulari, la gente continua ad abbronzarsi.

Del resto, la gente continua ancora a fumare, a mangiare quotidianamente pasti carichi di grassi saturi, a bere alcolici senza misura e, in sostanza, ad andare contro ogni principio di buona condotta di vita, sebbene vi siano ormai una quantità enorme di studi scientifici contro le cattive abitudini.

Però, se tutti attuano un comportamento sbagliato, in barba a dati oggettivi e reali, non vuol dire che esso diventi per forza giusto.

L’informazione scientifica è a disposizione di tutti, ormai in maniera pressoché totale, gratuita e veloce grazie all’Internet: non vi è più nessuna scusa, quindi, per attuare comportamenti nocivi, solamente perché ‘lo fanno tutti’.

Pelle invecchiata dal sole che vuoi ringiovanire?
Chiedimi aiuto ora

Ma quindi, bisogna evitare di andare al mare?

Ovviamente, no.

Bisogna semplicemente evitare le esposizioni prolungate al sole, senza protezione, nei momenti più caldi della giornata.

Non è scritto da nessuna parte che sia obbligatorio frequentare le spiagge esclusivamente sotto il sole cocente, e che si debba assolutamente sfoggiare un’abbronzatura spinta al massimo.

Pelle invecchiata dal sole che vuoi ringiovanire?
Chiedimi aiuto ora

Si possono riparare i danni fatti dal sole sulla pelle?

Entro certi limiti, il corpo umano già ripara da solo i danni dell’esposizione prolungata ai raggi UV.

Per farlo, però, il tessuto della cute consuma una grande quantità di risorse, con un turn-over cellulare innaturale, che spossa il metabolismo della cute e provoca danno biologico.

Gli attuali protocolli terapeutici medici per questo danno sono palliativi, oltre che costosi.

Rigenerare e ringiovanire una pelle bruciata dal sole richiede molto tempo, una discreta quantità di fondi economici e una lunga serie di trattamenti combinati, che possono anche non dare risultati ottimali (a seconda della risposta del singolo soggetto).

Ecco perché la prevenzione, mai come in questo caso, è un imperativo da non dimenticare mai.

Pelle invecchiata dal sole che vuoi ringiovanire?
Chiedimi aiuto ora

Le tue gambe sono in questo stato?

La cavitazione medica per il lipedema a Milano

Scopri la Cavitazione Medica della Dott.ssa Troyer

clicca qui e scopri cos'è
Chirurgia Vascolare, angiologia e terapia del linfedema a Milano
Quindi ricorda che...
  • Il sole è la principale fonte d'energia della Terra, che rende possibile la vita biologica sul pianeta;
  • La fornace nucleare del sole trasforma costantemente idrogeno in elio, e come sottoprodotto di questa fusione atomica vengono emanati fotoni ad alta energia (la luce);
  • La luce del sole impatta sulla Terra, riscaldando il pianeta e illuminando l'atmosfera per irraggiamento;
  • I fotoni emessi dal sole sono molto carichi d'energia, potenzialmente dannosa per gli organismi viventi, ma gran parte della radiazione nociva è fortunatamente assorbita dallo strato di ozono del pianeta;
  • La luce che percepiamo con i nostri occhi è solo una parte dello spettro elettromagnetico, ovverosia tutte le possibili lunghezze d'onda dei fotoni;
  • I raggi ultravioletti, noti come raggi UV, sono parte dello spettro elettromagnetico invisibile ai nostri occhi, ma molto carichi d'energia;
  • I raggi UV sono parzialmente assorbiti dallo strato di ozono della Terra, ma alcuni di essi riescono comunque a penetrare, riscaldando l'atmosfera durante il giorno;
  • I raggi UV si suddividono in vari intervalli, tra cui UV-A, UV-B e UV-C, tutti nocivi per gli esseri biologici poiché in grado di alterare i legami molecolari del DNA cellulare;
  • La pelle umana riesce solo in parte a schermarsi dai dannosi raggi UV, grazie alla produzione di un pigmento scuro noto come melanina;
  • La melanina è prodotta da tutti i fenotipi umani, in maggiore o minore quantità a seconda dell'esposizione solare;
  • La melanina cambia il colore naturale della pelle, facendola abbronzare;
  • Lo scudo di melanina è solo una blanda protezione del corpo, ma non è sufficiente a proteggere totalmente la pelle dai dannosi raggi UV;
  • I raggi UV che impattano sulla pelle possono causare alterazioni del DNA delle cellule della cute, dando origine a forme tumorali come il carcinoma basocellulare e il carcinoma spinocellulare;
  • C'è una provata correlazione tra l'aumento di probabilità di sviluppare un tumore cutaneo con la quantità dell'esposizione solare;
  • I raggi UV danneggiano sistematicamente le cellule della cute, che sono costrette a replicarsi velocamente per riparare i danni, e questo provoca un aumento abnorme del turn-over cellulare che causa a sua volta invecchiamento precoce;
  • Sino all'inizio del secolo scorso, la pelle abbronzata era considerata sgradevole alla vista, e segno di basso grado sociale;
  • La moda dell'abbronzatura iniziò verso i primi del 1900, erroneamente agevolata da sbagliate conoscenze mediche di allora, che attribuivano ai raggi solari inesistenti proprietà terapeutiche;
  • Già all'inizio degli anni '30 del 1900 gli scienziati ed i medici avevano appurato la pericolosità delle lunghe esposizioni solari, correlandole all'aumento dell'insorgenza dei tumori cutanei;
  • Sul finire degli anni '40 la correlazione tra esposizione solare e tumori della pelle era già stata scientificamente provata, ma la moda dell'abbronzatura, almeno in Occidente, era ormai iniziata;
  • I raggi solari non sono terapeutici, non curano nulla e non fanno bene a nulla, ma causano sicuramente invecchiamento precoce della cute e rischio aumentato di tumore cutaneo;
  • Se tutti prendono l'abbronzatura e decidono scientemente di rovinare la pelle, invecchiandola, non vuol dire che devi farlo anche tu;
  • L'informazione scientica in Italia e, in generale, in Occidente, è scarsa, approssimativa e grossolana, anche se esistono innumerevoli fonti che riportano i danni che l'esposizione prolungata ai raggi solari fa alla pelle: basta leggerle!
  • Lunghe esposizioni ai raggi solari senza adeguate protezioni causano arrossamenti, ustioni, eczemi e macchie solari;
  • L'esposizione prolungata ai raggi solari aumenta il rischio di degenerazione dei nevi, che possono trasformarsi in neoplasie;
  • I filtri solari sono dei prodotti topici, usualmente spalmabili, che aumentano la protezione della pelle contro i raggi UV;
  • Non esiste un filtro solare a protezione totale, ma esistono ottimi filtri in grado di proteggere molto meglio la pelle rispetto al solo uso dell'abbronzatura;
  • Evitare le lunghe esposizioni dirette al sole non significa non andare al mare e non divertirsi, ma semplicemente scegliere di non far del male alla propria pelle in maniera del tutto ingiustificata;
  • Riparare i danni biologici dovuti all'esposizione prolungata al sole è costoso, difficile e lungo: pensaci, prima di rovinare la tua pelle!

Vuoi ringiovanire la tua pelle invecchiata dal sole? Posso aiutarti

Contatta il tuo chirurgo vascolare a Milano

Il mio studio di Milano ha grande esperienza nella diagnosi e nel trattamento dell'invecchiamento cutaneo, con avanzati protocolli di bio-rivitalizzazione della pelle.

Da me troverai le più moderne strumentazioni di Cavitazione Medica, Radiofrequenza Medica, HiFu, Elettroporazione Medica e Micro-needling, con trattamento personalizzato, per aiutarti a riparare i danni che anni ed anni di sole hanno fatto alla tua pelle.

Ancora, da me troverai il laser di ultima generazione, totalmente indolore, per rimuovere con successo le tue macchie cutanee dovute al sole, senza cicatrici e con poche sedute.

Vent'anni di chirurgia vascolare e migliaia di casi clinici trattati con successo, l'eccellenza nel ringiovanimento della cute e trent'anni di esperienza medica sempre al tuo servizio.

La Dott.ssa Luisella Troyer è un Medico Chirurgo, specializzata in Chirurgia Vascolare e perfezionata nelle patologie linfatiche, in Oncologia Linfatica, in Proctologia, in Podoiatria e in Vulnologia.

Nella sua trentennale professione si è focalizzata sulla cura e sul trattamento (anche chirurgico) delle lesioni croniche a decorso ulcerativo, sulla corretta diagnosi e terapia del linfedema e sulla particolare cura e gestione del paziente oncologico pre e post chirurgia.

È uno dei pochi Medici in Italia ad occuparsi della complicata gestione dei pazienti con linfedema primitivo (congenito), e particolare attenzione è stata sempre rivolta alla diagnosi e alla gestione della paziente affetta da lipedema, malattia per la quale la Dottoressa ha sempre richiesto l’adeguato riconoscimento come reale patologia, distaccata dalla semplice obesità o adiposità localizzata.

Il suo approccio terapeutico per i pazienti linfatici è basato sulla Terapia Complessa Decongestionante, e su un follow-up preciso, puntuale e costante, comprensivo di particolare riguardo alla cura della cute e al linfobendaggio.

Come Medico Estetico, la Dottoressa si è dedicata con particolare riguardo al benessere e alla salute delle gambe, adottando nuovi approcci chirurgici per la risoluzione del lipedema (la Liposuzione a Zone Selettive) e il protocollo estetico ElastSkin, per la riduzione significativa della cellulite e della lassità cutanea di cosce e caviglie.

La Dott.ssa Luisella Troyer è Chirurgo Vascolare nel reparto vulnologico del Piede Diabetico dell’Istituto Clinico Città Studi di Milano, e visita privatamente presso il suo studio Salus Mea in centro città, in Via della Moscova 60.

Perfezionata anche in Proctologia e nella risoluzione della patologia emorroidale, nel suo studio risolve i casi più complicati emorroidi patologiche, utilizzando l'avanzata tecnica a scleromousse stabilizzata con aria sterilizzata.

Come Medico Podoiatra, la Dottoressa si occupa a 360° della salute del piede, con servizi di Podoiatria e Podologia avanzati, dalla pedicure sanitaria sino alla cura delle ulcere gravi nei pazienti affetti da piede diabetico.

Nel suo ambulatorio privato, eroga terapie avanzate per la riduzione del pannicolo adiposo di cosce e glutei, terapie sclerosanti e Terapia Complessa Decongestionante.

A Milano, se sei affetto da una ferita cronica che non guarisce, soffri di stasi linfatica, un accumulo abnorme di grasso, varici e vene varicose o semplicemente vuoi il benessere per le tue gambe, la Dott.ssa Luisella Troyer può aiutarti: semplicemente, chiamala.

Vuoi parlare con la Dottoressa?
La Dottoressa è qui per aiutarti.
Lasciale ora il tuo numero, e ti richiamerà subito.* *Compatibilmente con la gestione dei pazienti e degli interventi medici e chirurgici

La sicurezza medica per la tua bellezza, sempre

Medicina estetica centro medico a Milano

Lo studio della Dott.ssa Luisella Troyer è uno studio medico, dove opera esclusivamente personale sanitario.

Tutti i trattamenti medico-estetici sono dunque erogati da Medici, fisioterapisti od infermieri professionisti, specializzati proprio nelle dismorfie del pannicolo adiposo e nel ringiovanimento del corpo.

Lo studio della Dottoressa non è un centro estetico, e tutti i trattamenti di natura estetica sono prescritti esclusivamente dopo l'idonea visita medica.

Una sicurezza per te, un dovere legale ed etico per la Dottoressa.

Così tu sarai sempre tranquilla, avrai costantemente il monitoraggio medico e tutta l'affidabilità di un'equipe sanitaria d'eccellenza, dedicata proprio alla tua bellezza.

Clicca qui e chiama il 348.96.89.650 per richiedere una visita di Medicina Estetica con la Dottoressa!

Soffri di pelle delle gambe cadente, prolassata e disidratata?
Affidati all'eccellenza medica del protocollo ElastSkin

Medicina estetica e lifting della pelle a Milano

ElastSkin è il protocollo medico-estetico ideato dalla Dott.ssa Luisella Troyer, che consente di riportare elasticità, tono e idratazione della pelle ad alti livelli, senza ricorrere alla Chirurgia Plastica.

Il protocollo, ideato dalla Dott.ssa Troyer dopo la sua lunga esperienza con i più noti inestetismi delle gambe, può essere applicato con successo anche alle pazienti affette da cellulite, lipedema e invecchiamento precoce della pelle.

I risultati sono sbalorditivi: pelle immediatamente più tonica, più liscia, più idratata e più elastica.

Senza dolore, senza chirurgia: solo con la tua nuova pelle bellissima, come sei tu.

Clicca qui e chiama il 348.96.89.650 per richiedere un trattamento ElastSkin!

Non puoi pagare subito un trattamento?
La Dottoressa ti permette di pagare con calma, senza interessi

Finanziamento a tasso zero per la Medicina Estetica a Milano

La Dott.ssa Luisella Troyer è prima di tutto un Medico, che ha dedicato la sua intera vita professionale alla Medicina, e al benessere dei propri pazienti.

Ciò vuol dire che, per lei, il mero guadagno è totalmente secondario alla salute dei pazienti.

Anche di quelli che, per le mille difficoltà della vita, avrebbero bisogno di trattamenti che non possono però onorare sul momento.

Perciò, ogni trattamento della Dottoressa può essere pagato senza finanziamento, senza alcun tipo di interessi e senza lucro, ratealmente da tre a dodici mesi.

Senza intercessione bancaria e senza finanziarie: solo con la garanzia del rapporto fiduciario Medico-paziente.

Affinché tu stia semplicemente bene, a prescindere dalla tua capacità di spesa.

Clicca qui e chiama il 348.96.89.650 per avere tutte le informazioni sui pagamenti rateali!

Hai paura di perdere i risultati ottenuti con tanto sforzo?
La Dottoressa ti aiuta: pacchetti mantenimento 12 mesi tutto incluso

Medicina estetica e lifting della pelle a Milano

La Dott.ssa Luisella Troyer è un Medico che opera in scienza e coscienza, sempre.

Sa perfettamente che molti trattamenti, anche se estremamente efficaci, hanno bisogno di regolare manutenzione nel tempo, per non perdere i vantaggi ottenuti, spesso con molto sforzo.

Ecco perché, per ogni trattamento con protocollo ElastSkin (Radiofrequenza Medica, Elettroporazione Medica, ultrasuoni HiFu) ti propone un conveniente e vantaggioso piano di mantenimento, che copre tutti e 12 i mesi dell'anno.

Ad un costo calmierato, nell'esclusivo interesse della tua salute.

Così tu non dovrai preoccuparti di nulla, e le tue gambe rimarranno sempre belle e in salute: gli operatori specializzati e i Clinici dell'equipe della Dottoressa si prenderanno cura di te con un piano di mantenimento personalizzato, che ti consentirà di rilassarti ed essere sempre sicura, curata e in salute.

Perché per la Dottoressa tu non sei una semplice paziente: sei un'amica e una persona speciale, da proteggere ed aiutare tutto l'anno.

Proprio come i veri amici fanno.

E la Dottoressa è sempre tua amica, una vera amica.

Clicca qui e chiama il 348.96.89.650 per richiedere il tuo piano di mantenimento personalizzato!

Sei incinta e hai le gambe gonfie e dolenti?
La Dottoressa è qui per aiutare te e il tuo bambino

Cura delle vene varicose e delle caviglie gonfie per le donne in gravidanza

La Dott.ssa Luisella Troyer ha giurato di proteggere la tua vita e la tua salute, sempre.

Anche, e forse soprattutto, in un momento estremamente importante e delicato, come quello che ti sta portando a divenire mamma.

La Dottoressa sa bene che, durante la gravidanza, le tue gambe sono costantemente provate dal peso del tuo bambino.

Questo le porta a divenire spesso gonfie, dolenti, pesanti.

In molti casi, la gravidanza è l’inizio di una degenerazione dei tessuti delle vene della futura mamma, che sfocia poi in una cronica insufficienza venosa, con la comparsa di dolenti vene varicose.

Proprio per questo, dal frutto della sua trentennale esperienza, la Dottoressa ha ideato il protocollo medico “Mamma Protetta”, che può aiutarti a prevenire le patologie vascolari e a preservare la salute delle tue gambe.

Per gambe belle, sane e in salute anche nel periodo più speciale della tua vita: la Dottoressa è sempre con te!

Clicca qui e scopri il protocollo "Mamma Protetta" per la salute delle tue gambe in gravidanza!

Sei affetta da lipedema e devi intervenire chirurgicamente?
Affidati al protocollo chirurgico della Dott.ssa Luisella Troyer

Liposuzione specifica per il lipedema Lipedema Reduction Surgery

La Dott.ssa Luisella Troyer è un Chirurgo Vascolare perfezionata nel lipedema e nel trattamento di tutte le dismorfie del pannicolo adiposo degli arti inferiori.

Oltre trent'anni fa, è stata uno dei primi Medici ad ipotizzare la presenza della nuova patologia scollegata dall'obesità, conosciuta ora come lipedema.

La costante ricerca clinica su questa grave dismorfia che colpisce esclusivamente le donne le ha permesso di sviluppare un nuovo protocollo chirurgico specificatamente pensato per il lipedema.

Assieme al Dott. Alberto Gallucci, Chirurgo Plastico esperto nelle dismorfie gravi del grasso umano, la Dottoressa ha quindi ideato il protocollo di Liposuzione a Zone Selettive.

Un protocollo innovativo che si basa sul rispetto dei tessuti sani della paziente, sull'intervento localizzato in micro-zone e su un piano terapeutico che comprende il protocollo estetico ElastSkin.

Un aiuto d'eccellenza per le molte donne che, ogni giorno, soffrono sia piscologicamente che fisicamente per una patologia non decisa da loro, tutt'ora poco conosciuta in Italia, che ne causa spesso esclusione sociale e profonda sofferenza.

Clicca qui e scopri la Liposuzione a Zone Selettive per combattere il lipedema!

Soffri di emorroidi patologiche e dolorose?
La Dottoressa può aiutarti a risolverle per sempre

Cura delle emorroidi patologiche a Milano

La Dott.ssa Luisella Troyer è un Chirurgo Vascolare perfezionata in Proctologia avanzata.

Nel suo studio di Via della Moscova somministra trattamenti di ultima generazione per la cura delle emorroidi patologiche, del tutto indolori.

Potrai quindi eliminare definitivamente le tue emorroidi che ti tormentano da tanto tempo, con il trattamento avanzato di scleromousse stabilizzata con aria sterilizzata.

Dall'esperienza medica d'eccellenza, un trattamento di alta qualità per liberarti per sempre dal problema delle emorroidi.

Veloce, sicuro, definitivo, totalmente indolore: finalmente, l'unica valida alternativa all'intervento chirurgico.

Clicca qui e scopri come liberarti per sempre e senza dolore dalle tue emorroidi!

Hai varici grandi ed antiestetiche sulle gambe?
La Dottoressa può eliminarle senza chirurgia e senza dolore

Cura delle vene varicose a Milano

Come Chirurgo Vascolare, la Dott.ssa Luisella Troyer ha grande esperienza nel rimuovere vene varicose anche di grandi dimensioni senza ricorrere alla chirurgia, con trattamenti mini-invasivi e totalmente indolore.

Trent'anni di esperienza medica e continua ricerca scientifica di alto livello le hanno permesso di padroneggiare le migliori terapie sclerosanti a guida ecografica, efficaci, sicure e rapide, per risolvere anche i casi più complicati di vene varicose.

Nello studio della Dottoressa potrai ripristinare la bellezza e la funzionalità delle tue gambe, eliminando per sempre le anti-estetiche e pericolose varici in tutta tranquillità, con sedute indolore e di breve durata.

La Medicina angiologica sicura, affidabile ed efficace, frutto della costante ricerca medica.

Affinché tu possa tornare a stare bene con le tue gambe, senza più dolori, pruriti o pesantezza, tipici delle vene varicose.

Clicca qui e scopri come liberarti per sempre e senza dolore dalle tue varici!

Hai una polizza assicurativa Unisalute?
La Dott.ssa Luisella Troyer è un Medico convenzionato

Medico convenzionato con Unisalute

Se hai una polizza Unisalute, puoi effettuare una visita in convenzione con la Dott.ssa Luisella Troyer.

La Dott.ssa Luisella Troyer è infatti un Medico convenzionato con Unisalute: le visite ed i trattamenti della Dottoressa in regime ospedaliero possono quindi esserti rimborsati o direttamente prenotati dalla tua assicurazione, secondo il tuo piano sanitario.

Chiedi tutte le info al nostro centralino chiamando il 348.96.89.650: saremo felici di aiutarti.

Chatbot e articoli scritti da un algoritmo? No, grazie.

No chatbot logo

Ogni pagina di questo sito è stata scritta da un professionista sanitario e della comunicazione sanitaria. Umano.

La Dott.ssa Luisella Troyer apprezza la tecnologia, ma crede che le informazioni sanitarie debbano (almeno al momento) essere fornite da professionisti sanitari umani, in scienza e coscienza.

Anche se chiamerai il centralino al 348.96.89.650 oppure manderai un messaggio su WhatsApp, a risponderti sarà sempre e comunque un umano.

In questo sito non troverai pagine scritte da un algoritmo, né composte da un'intelligenza artificiale che si affida al machine learning.

A quello, la Dottoressa preferisce ancora lo human learning, che si fa studiando su libri e pubblicazioni, nonché esercitando la professione medica in prima linea, giorno dopo giorno.

Queste pagine sono state scritte da professionisti sanitari (Medici esperti di informazione sanitaria), e sono state progettate per essere chiare, facili e comprensibili da tutti, anche (e soprattutto) per chi non è Medico.

Per te, paziente o semplice curioso lettore.

Pensate da umani per umani, per proteggere la tua salute, ed aiutarti a capire meglio la Medicina.

Non sono articoli per personale sanitario, ma non vogliono esserlo: il loro scopo è quello di fornire aiuto e supporto ai pazienti, in linguaggio chiaro e facilmente comprensibile.

Per questi motivi, la Dottoressa ritiene che l'uso dell'Intelligenza Artificiale negli articoli sanitari è, al momento, troppo incerto per poter essere affidabile: ogni articolo sanitario, che riguarda il bene prezioso della salute dei pazienti, deve quindi essere obbligatoriamente scritto, verificato ed approvato da personale sanitario, esperto e qualificato.

In tutto il sito è vietato l'utilizzo di testi, immagini, loghi, logotipi, video e qualsiasi altro media di produzione originale per l'addestramento di sistemi di intelligenza artificiale generativa, così come l'utilizzo di mezzi automatizzati di data scraping.

Condividi questa pagina

Vuoi prenotare una visita con me online? Fallo da qui

Se vuoi prenotare rapidamente una visita con me nel mio studio di Milano in Via della Moscova, 60 (fermata MM2 Moscova), puoi farlo comodamente da qui.

Clicca sul pulsante PRENOTA UNA VISITA qui in basso, e scegli il primo appuntamento disponibile in modalità sicura e protetta, grazie a Miodottore.it

Prenota una visita con la Dott.ssa Luisella Troyer su Miodottore.it
Luisella Troyer - MioDottore.it

Mandami un messaggio. Sono qui per aiutarti.

Angiologo Milano - Cura del linfedema e del lipedema

Compila il modulo sottostante e verrai ricontattato entro 24 ore.

Se preferisci il telefono, chiama il 348.96.89.650

Ricorda che, per obblighi deontologici (e anche per buon senso) non posso effettuare diagnosi a distanza.
Tutti i miei eventuali consigli o pareri non potranno mai sostituire una visita specialistica.

Tutti i campi con * sono obbligatori.

Se il form ti da problemi d'invio, manda una mail a info@milanolinfedema.it
*

Questo modulo è sicuro e protetto da Google reCAPTCHA
Le tue gambe belle,
come le hai sempre desiderate.
La Dottoressa che si prende cura delle tue gambe, da oltre 30 anni.
Le tue gambe belle,
come le hai sempre desiderate.
La Dottoressa che cura e protegge le tue gambe, da oltre 30 anni.
I miei pazienti dicono:
‟Sono andata sino a Milano dalla Sardegna solo per lei: mai viaggio fu più benedetto! Grazie Dottoressa!” Annalisa
‟Finalmente, sono riuscita a tornare ad una condizione di fisico invidiabile. Non è stato facile, ma la Dottoressa è stata sempre accanto a me." Sofia
‟Persona stupenda: umana, seria, incredibile la sua capacità di diagnosi. Tornerò sicuramente per monitorare la mia terapia, per ora grazie." Claudio