Dott.ssa Luisella Troyer
Chirurgo Vascolare Angiologo a MilanoAngiologo a Milano

Specializzata in linfedema e lipedema

Migliaia di casi clinici trattati con successo.
20 anni di Chirurgia Vascolare.
Alta diagnostica non invasiva.
L'eccellenza nella cura delle linfopatie.
La costante ricerca medica sul lipedema.
Oltre trent'anni d'esperienza per curarti.
Il tuo Angiologo a Milano.

Dottoressa Luisella Troyer Chirurgo Vascolare a Milano

Hai un problema?
Chiedi aiuto alla
Dott.ssa Luisella Troyer.
È QUI PER AIUTARTI,
SEMPRE.

Richiedi ora l'aiuto della
Dott.ssa Luisella Troyer
Lasciaci ora il tuo numero, e ti richiameremo subito.
Riceverai una chiamata entro 24 ore

I miei pazienti dicono:
‟Dopo anni di soldi e salute spesi inutilmente, finalmente un medico umano e comprensivo.
Questa è la medicina che voglio!”
Michela
‟Ho subito un intervento di ricostruzione di un linfovaso ma con esiti drammatici.
Grazie alla Dottoressa vivo ancora."
Andrea
‟Bisogna ascoltarla e perserverare nel trattamento decongestivo: solo così si ottengono eccellenti risultati col linfedema." Diego

Attenzione: quest'articolo tratta di materie a carattere medico scientifico.
Per quanto le informazioni in esso contenute siano state selezionate e riportate con cura e con la massima precisione scientifica, non possono e non potranno mai sostituire il parere medico o una visita medica specialistica, e debbono pertanto essere utilizzate per uso esclusivamente informativo.
In caso di dubbi e o domande, chiedi sempre consiglio ad un medico.

Quest'articolo è stato aggiornato dalla Dott.ssa Luisella Troyer il giorno: lunedì 06 dicembre, 2021

Luisella Troyer - MioDottore.it

Obesità o lipedema?
Scopri le differenze nell'accumulo di adipe patologico nella donna

Il trattamento del linfedema a Milano

Il lipedema è un accumulo patologico e localizzato di adipe, che affligge circa l’11% di tutte le donne del mondo.
Per anni, è stato confuso con lo stato di obesità, che invece è una patologia ben differente, caratterizzata da un accumulo di grasso diffuso in tutto il corpo.
Sebbene le due patologie condividano un problema comune (l’accumulo di grasso), sono in realtà due condizioni completamente differenti.

C’è ancora molta confusione tra obesità e lipedema, e spesso tale confusione è deleteria per una donna o una ragazza: una falsa percezione del proprio o un’auto-diagnosi errata può essere pericolosa, in quanto può rallentare gli eventuali trattamenti o spingere a comportamenti o diete auto-gestite ancora più deleterie.
Leggi quest’articolo per fare finalmente chiarezza tra l’obesità e il lipedema e, se lo riterrai opportuno, contatta poi un medico specialista per effettuare una diagnosi corretta della tua situazione.

Cos’è l’obesità?

Il trattamento del linfedema a Milano
Lo stato d'obesità affligge tutto il corpo, distribuendo l'accumulo lipidico in maniera più o meno proporzionale su tutto il fisico

L’obesità è una condizione patologica in cui vi è un eccessivo accumulo di grasso, così elevato da andare a stravolgere il normale indice di massa corporea (approssimativamente, massa del corpo divisa per il quadrato dell’altezza).
Affligge sia uomini che donne, e si riscontra quasi esclusivamente nelle società dei paesi avanzati, il cui stile di vita e il reddito medio procapite permettono alla popolazione un accesso facilitato e a buon mercato di cibo e nutrimento.

Patologia già ben chiara ai medici dell’antica Grecia (Ippocrate di Coo fu il primo ad intuirne la pericolosità, poiché campanello d’allarme per tanti altri mali), fino all’avvento della rivoluzione industriale prima, e della globalizzazione poi, è rimasta molto circoscritta solo in limitate classi sociali.
Per millenni infatti, l’essere umano ha lottato aspramente per combattere non l’abbondanza di cibo, quanto invece la sua scarsezza.

Ecco perché le persone obese, nel passato anche abbastanza recente, erano sovente persone di famiglie ricche, i funzionari, i commercianti, i regnanti o chi, per svariate ragioni, era comunque abbastanza ricco da potersi permettere non solo il cibo in giusta quantità, ma anche in sovra-quantità.

Le Tra Grazie - Rubens - Obesità
"Le Tre Grazie" | Peter Paul Rubens | 1638 c.a.
Anche se attualmente è patologia stigmatizzata in occidente, l'obesità non è sempre stata così mal vista.
Nel passato, complice la notoria difficoltà dei nostri antenati di nutrirsi adeguatamente, essere 'in carne' era considerato un privilegio, e sintomo di benessere.
Ciò è evidente e palese nell'arte del passato, notando le proprorzioni ideali seguete da artisti e pittori nel descrivere il corpo femminile 'in salute'

Col miglioramento delle condizioni sociali ed economiche di gran parte della popolazione mondiale avvenuto nel XX secolo, ormai l’obesità è una patologia che affligge tutto il pianeta, ad eccezione delle parti più povere e sotto-sviluppate di esso.

L’OMS stima che quasi un 10% della popolazione mondiale si trovi in stato d’obesità, prevalentemente nei paesi economicamente più agiati (Nord America, Europa e Asia).
Sebbene il fenomeno colpisca sia uomini che donne, sembrerebbe che quest’ultimo sesso sia leggermente favorito in numeri percentuali.

Come si manifesta l’obesità?

L’obesità è una patologia visibile a chiunque, non necessariamente ad un medico o un sanitario.
I suoi effetti sul fisico sono immediatamente percepibili, poiché l’aumento generalizzato di grasso distorce le comuni forme del corpo, che aumenta di dimensione e assume caratteristiche ben definite, rotondeggianti e, sovente, molli.

La caratteristica distintiva dell’obesità conclamata è che l’accumulo di grassi affligge tutto il corpo che, anche se in varia misura e proporzione, ingrassa globalmente.
Una persona obesa o in stato di conclamato sovrappeso vede come grassa ogni parte del corpo: dal viso alle mani, passando per addome, pancia, gambe e piedi.
La maggiore o minore quantità d’accumulo delle zone può variare in base a molti fattori (tra cui il sesso), ma il paziente obeso è complessivamente grasso.

Questa condizione, cioè di accumulo di grasso generalizzato e patologico, causato da mancanza di attività fisica e dieta iper-calorica, è l’elemento distintivo dell’obesità, che va a differenziarsi dal lipedema, che invece è un accumulo sproporzionato e localizzato di grasso.

Cos’è il lipedema?

Il lipedema è una patologia, presumibilmente di origine genetica, che riguarda quasi esclusivamente il sesso femminile.
Si manifesta come un accumulo abnorme e sproporzionato di grasso localizzato, cioè che si deposita solo in determinati punti del corpo: braccia, fianchi, glutei, cosce, ginocchia e caviglie.
Tutte le altre parti del corpo non sono colpite dalla patologia, al contrario dell’obesità che invece affligge in maniera più o meno proporzionale il fisico.

Dove si accumula il grasso nella donna?
Al contrario dell'obesità, il lipedema non colpisce tutto il corpo della donna, ma si concentra solo su punti specifici (evidenziati in rosso nell'immagine):
braccia, fianchi, glutei, cosce, ginocchia e caviglie.
L'obesità, invece, affligge tutto il corpo, facendolo ingrassare complessivamente

Questa caratteristica del lipedema fa sì che la patologia sia definita anche ‘malattia dei due corpi’, poiché la paziente sembra proprio avere un fisico diviso a metà: la parte superiore normale, mentre dalla vita in giù, specie nei casi più severi della patologia, è sempre visibile una consistente sproporzione, con un accumulo di grasso abnorme e deformante la linea originale di fianchi, glutei e gambe.

Da cosa è causato il lipedema?

L’eziologia della patologia non è al momento ben chiara, ma si suppone che il lipedema abbia un’origine genetica.
Il corpo umano tende ad accumulare il grasso in maniera quanto più possibile proporzionale, ma le zone d’accumulo, maggiore o minore, variano non solo in base al sesso, ma anche all’etnia e all’eredità genetica.

Ad esempio, le donne mediterranee tendono ad avere solitamente gambe ben tornite, con una predilezione genetica per l’accumulo del grasso su cosce e glutei, mentre le donne del nord Europa, sempre solitamente, tendono ad avere gambe più snelle, con un accumulo di adipe più pronunciato nell’addome.

Gli stadi dell'accumulo di grasso del lipedema
Il lipedema è una patologia cronica a carattere evolutivo, che si manifesta in differenti livelli di gravità (stadi).
Nell'immagine in alto, l'avanzamento del lipedema: dal corpo normale (figura 0) fino al gravissimo lipo-linfedema di V stadio

La tendenza naturale all’accumulo del grasso, che in una donna ha posizionamenti differenti rispetto all’uomo, è dato dalla presenza degli ormoni estrogeni femminili.
Questo sembrerebbe confortare l’ipotesi che il lipedema sia di origine genetica, poiché la patologia si comincia a presentare sempre dopo la pubertà, ossia dopo la maturazione sessuale della ragazza.

Le tue gambe sono in questo stato?

La cavitazione medica per il lipedema a Milano

Scopri la Cavitazione Medica della Dott.ssa Troyer

clicca qui e scopri cos'è

Al contrario dell’obesità, il lipedema non è dunque causato da una dieta ipercalorica o dalla mancanza di adeguata attività fisica: è una patologia che è ‘programmata’ direttamente nel DNA nelle pazienti predisposte, e che non ha nulla da vedere con alimentazione sbagliata o eccessiva sedentarietà.

Quali sono i sintomi del lipedema?

Il trattamento del lipedema e del grasso delle gambe a Milano
I vari stadi del lipedema, dal più lieve (I grado, sulla sinistra) a quello più severo (V grado, linfo-lipedema, sulla destra)

Il lipedema si manifesta come un accumulo totalmente sproporzionato di grasso, che affligge quasi sempre solo gli arti inferiori, e raramente le braccia.
L’accumulo di grasso, al contrario dell’obesità, non interessa mai volto, collo, torace, avambracci, mani e piedi.

L’accumulo di adipe si presenta generalmente accompagnato da noduli, anche consistenti, con pelle ‘a buccia d’arancia’ oppure ‘a materasso’, dalla superficie irregolare ed esteticamente non uniforme.
Nei casi più severi di lipedema, la paziente vede comparire anche edemi e teleangectasie, dovute all’aumento della pressione, da parte del grasso, sui capillari e i vasi.
A differenza dell’obesità, il lipedema è altresì doloroso: non di rado la paziente lamenta dolore agli arti inferiori, a volte anche intenso, accompagnato da sensazione di pesantezza e gonfiore.
Negli stadi avanzati della patologia, quando l’accumulo di adipe diviene così importante da andare a comprimere e a bloccare la normale circolazione linfatica, il lipedema sfocia in un linfo-lipedema.
È una situazione grave ed invalidante, che spesso impedisce alla paziente di compiere anche i più normali movimenti quotidiani.

Perché la terapia contro l’obesità non funziona contro il lipedema?

Perché sono due patologie completamente differenti.
L’obesità è dettata, in buona parte, da una dieta ipercalorica e la non sufficiente attività fisica, il lipedema è invece un accumulo di grasso predisposto su base genetica.

Se per l’obesità è di norma necessario provvedere al ripristino di una corretta alimentazione e l’inizio di una costante ed idonea attività fisica (supportata eventualmente da chirurgia bariatrica), il lipedema è un accumulo di adipe insensibile sia alla dieta che alla palestra, o qualsiasi altro tipo di attività aerobica.

Il grasso del lipedema non risente delle diete (anche quelle estreme), ed è incredibilmente resistente anche al regime chetogenico.
Ogni regime dietetico, anche i più rigidi ipoglicemici, non fanno altro che far dimagrire la paziente solo nella parte superiore, non sortendo alcun risultato per fianchi, cosce e gambe.

Stesso discorso anche per l’attività aerobica: è essenzialmente inutile, poiché il grasso del lipedema non risente di alcun esercizio, anche il più energicamente impegnativo.
Questo demoralizza la paziente affetta da lipedema, che solitamente si accanisce con iper-attività fisica, credendo che la colpa dell’assenza di risultati sia del suo poco impegno.

In sostanza, qualsiasi terapia usualmente adatta contro l’obesità ed il sovrappeso, si rivela sempre inutile contro il lipedema.
Questo è un altro elemento di differenza tra le due patologie, che risulta poi decisivo per l’eventuale iter terapeutico della paziente.

Come si cura il lipedema?

Al momento, non esiste una terapia farmacologica contro il lipedema, e neppure fisioterapica.
L’uso di tutori elastici di qualità di alta classe è un palliativo (molto efficace) nel contrastare i dolori che l’accumulo di adipe del lipedema solitamente porta agli arti inferiori, ma non è una terapia risolutiva.
La ginnastica d’acqua è altresì utile, poiché l’acqua svolge un massaggio drenante sulla pelle, ma non può risolvere il problema di fondo, ossia: l’incapacità del corpo di ridurre e metabolizzare le molecole di grasso del lipedema.

Il trattamento del lipedema e del grasso delle gambe a Milano
Un lipedema grave, localizzato nella zona delle cosce, che richiede intervento chirurgico di rimozione

Come detto in precedenza, il lipedema non è dettato da un’alimentazione scorretta o dalla mancanza di attività fisica, e né dieta specifica e né palestra riescono a smaltire l’accumulo abnorme di grasso.
L’unica terapia veramente efficace per trattare il lipedema, quindi, risulta quella chirurgica.

La liposuzione per rimuovere il lipedema: quando è prescritta, che risultati può dare

La liposuzione è una tecnica chirurgica avanzata, messa a punto in Italia negli anni ’70 del 1900, e continuamente perfezionata sino ai giorni nostri.
Come il nome lascia intuire, consiste nell’aspirare meccanicamente il grasso sotto pelle, per mezzo di cannule di diametro variabile.
Lo scopo della liposuzione è pertanto quello della rimozione del grasso in eccesso localizzato, che per svariati motivi il paziente non riesce a smaltire.

La liposuzione, al contrario di quello che molti ancora erroneamente pensano, non è una tecnica dimagrante, e non viene praticata nei pazienti obesi o sovrappeso.
Viene anzi praticata nei soggetti in buona forma fisica, che non riescono a smaltire porzioni di grasso localizzato, come ad esempio addome, cosce o fianchi, spesso impossibili da buttare giù anche con intensa attività fisica e una dieta rigorosa.

Il lipdema, per le sue caratteristiche uniche (localizzato, insensibile a dieta o palestra), è quindi la patologia ideale per essere trattata mediante la liposuzione, che risulta dunque l’unica arma efficace e concreta per riportare serenità ed armonia nelle forme della paziente.

La liposuzione è però una tecnica invasiva: il chirurgo, una volta iniettata una particolare soluzione sciogli-grasso (la soluzione di Klint), per mezzo di piccolissime cannule procede all’aspirazione della massa lipidica, stando attento a non danneggiare i tessuti muscolari della paziente.
Le tecniche attuali, gli svariati tipi di macchinari aspiranti e l’ottimo corredo di cannule permettono al chirurgo di andare a ‘scolpire’ praticamente ogni parte del corpo, anche micro-zone.

Il trattamento del lipedema e del grasso delle gambe a Milano
Le zone del corpo che è possibile trattare efficacemente con la liposuzione (evidenziate in blu)

Finito l’intervento, in cui possono essere aspirati anche svariati litri di grasso, il corpo della paziente viene opportunamente bendato stretto (per permettere la ri-adesione della pelle ai muscoli), e la ripresa delle normali attività è permessa dopo circa un mese.

Grazie alla liposuzione, la paziente affetta da lipedema può ritornare ad una buona, a volte anzi eccellente, armonia delle forme, liberandosi del grasso localizzato impossibile da far ‘calare’ in altro modo.
La liposuzione è una tecnica che comporta dei rischi, però, anche molto seri: essendo molto invasiva, non tutte le pazienti affette da lipedema possono utilizzarla.
E tutti i rischi e le complicanze, devono essere opportunamente valutati, già in fase di diagnosi del lipedema.

Quindi, riassumendo le differenze tra obesità e lipedema

Differenze tra obesità e lipedema in una donna
Il lipedema (figura B) differisce dallo stato d'obesità (figura A) per la manifesta sproporzione dell'accumulo di grasso.
Un corpo obeso, generalmente, accumula il grasso in maniera proporzionale su tutta la superficie del corpo.
Una paziente affetta da lipedema, invece, accumula l'eccesso lipidico esclusivamente in zone ben determinate, ovverosia gli arti inferiori e, nei casi più severi, le braccia

Se sei giunta sin qui nella lettura, forse sarai interessata dalla patologia del lipedema, oppure ti starà venendo il dubbio: “Ma allora ho il lipedema o sono obesa?”.
Fermo restando che la diagnosi del tuo reale stato di saluto deve essere fatto esclusivamente da un medico specialista e competente in materia, forse può esserti utile questa lista di differenze tra stato d’obesità e lipedema.
Ricorda che, se hai qualsiasi dubbio, non devi assolutamente iniziare terapie o diete auto-gestite: devi rivolgerti sempre ad un medico specializzato, che sia Linfologo, Chirurgo Vascolare, Chirurgo Plastico oppure Specialista Dietologo.

L’obesità

  • Comporta un aumento generalizzato del peso e del grasso del corpo;
  • L’aumento patologico del grasso è generalmente armonico, ed affligge tutto il corpo;
  • È causata in larga misura da uno scompenso dietetico, un apporto ipercalorico e la mancanza di adeguata attività fisica;
  • Colpisce sia uomini che donne, di qualunque età;
  • Comporta una diminuzione dell’aspettativa di vita del paziente;
  • È solitamente risolta con dieta adeguata, adeguata attività fisica e, nei casi più gravi, con la chirurgia bariatrica;
  • Non presenta generalmente dolore intenso agli arti inferiori;
  • La pelle del paziente, salvo casi gravi specifici, non viene deformata dai noduli di adipe

Il lipedema

  • Comporta un aumento localizzato del grasso del corpo;
  • L’aumento patologico del grasso è localizzato, ed affligge esclusivamente la parte inferiore del corpo, e a volte (negli stadi avanzati) anche le braccia;
  • È causato da una predisposizione genetica, ed è scollegato da diete ed attività fisica;
  • Colpisce quasi esclusivamente le donne sessualmente mature, dalla pubertà in poi;
  • Non comporta una diminuzione dell’aspettativa di vita del paziente, ma ne compromette la qualità;
  • Non si risolve né con dieta e né con attività fisica, ma necessita di intervento chirurgico;
  • Presenta generalmente dolore intenso agli arti inferiori;
  • La pelle della paziente viene deformata da noduli di adipe, teleangectasie ed ematomi
Vascologia, angiologia e terapia del linfedema a Milano
Quindi ricorda che...
  • L'obesità è uno stato di alterazione della normale massa grassa del fisico, dettato generalmente da una dieta smodata e mancanza di attività fisica adeguata;
  • L'obesità colpisce uomini e donne senza distinzioni, ed è una patologia relativamente recente nella storia umana, causata principalmente dall'aumento del benesere economico e sociale della popolazione;
  • L'obesità si cura con una dieta appropriata, adeguato movimento ed attività fisica e, nei casi più gravi, il ricorso alla chirurgia bariatrica;
  • L'obesità fa si che tutto il corpo ingrassi, in maniera più o meno proprozionale;
  • Il lipedema è uno stato di accumulo patologico di grasso deciso geneticamente, che poco ha a che vedere con dieta e stile di vita;
  • Il lipedema si manifesta quasi esclusivamente nelle donne, subito dopo la pubertà;
  • Il lipedema è un accumulo di grasso sproprozionato ed abnorme, che colpisce eslusivamente gli arti inferiori e le braccia della donna;
  • Il lipedema non risente di dieta o attività fisica, al contrario dell'obesità;
  • L'unica terapia possibile ed efficace per risolvere il lipedema, o almeno diminuire la sproprorzione del corpo, è quella chirurgica della liposuzione;
  • Il lipedema causa dolore, gonfiore e pesantezza agli arti e, negli stadi avanzati, anche blocco linfatico;
  • La paziente affetta da lipedema non deve iniziare diete auto-gestite, ma rivolgersi subito ad un medico specialista

Sei affetta da un eccesso di grasso sproporzionato su cosce e gambe a Milano?
Posso aiutarti

Contatta il tuo chirurgo vascolare a Milano

Il mio studio di Milano è specializzato nella diagnosi e nel trattamento di tutte le patologie del sistema vascolare e linfatico, con un'elevata attenzione nel trattamento del linfedema e del lipedema.
Nel mio studio, troverai validi colleghi Chirurghi Plastici, con cui opero e collaboro anche per assisterti durante tutto l'eventuale percorso chirurgico di rimozione del lipedema.

Avrai così un follow-up completo e totale, e ti seguirò personalmente, sin dall'inizio del tuo percorso clinico al post-intervento, prendendomi carico, direttamente in sede, della tua completa guarigione.
Vent'anni di chirurgia vascolare e migliaia di casi clinici trattati con successo, l'eccellenza nella cura delle linfopatie e trent'anni di esperienza medica sempre al tuo servizio. Vent'anni di chirurgia vascolare e migliaia di casi clinici trattati con successo, l'eccellenza nella cura delle linfopatie e trent'anni di esperienza medica sempre al tuo servizio.

Hai una polizza assicurativa Unisalute?
La Dott.ssa Luisella Troyer è un Medico convenzionato

Se hai una polizza Unisalute, puoi effettuare una visita in convenzione con la Dott.ssa Luisella Troyer.
La Dott.ssa Luisella Troyer è infatti un Medico convenzionato con Unisalute: le visite ed i trattamenti della Dottoressa possono quindi esserti rimborsati dalla tua assicurazione, secondo il tuo piano sanitario.
Chiedi tutte le info al nostro centralino chiamando il 348.96.89.650: saremo felici di aiutarti.

Condividi questa pagina

Vuoi prenotare una visita con me online? Fallo da qui

Se vuoi prenotare rapidamente una visita con me nel mio studio di Milano, in Viale Sabotino 28 (Porta Romana), puoi farlo comodamente da qui.
Clicca sul pulsante PRENOTA UNA VISITA qui in basso, e scegli il primo appuntamento disponibile in modalità sicura e protetta, grazie a Miodottore.it

Luisella Troyer - MioDottore.it

Mandami un messaggio. Sono qui per aiutarti.

Angiologo Milano - Cura del linfedema e del lipedema

Compila il modulo sottostante e verrai ricontattato entro 24 ore.
Ricorda che, per obblighi deontologici (e anche per buon senso) non posso effettuare diagnosi a distanza.
Tutti i miei eventuali consigli o pareri non potranno mai sostituire una visita specialistica.

Tutti i campi con * sono obbligatori.

*

Questo modulo è sicuro e protetto da Google reCAPTCHA
I miei pazienti dicono:
‟Ero piena di teleangectasie, ma la Dottoressa, con pazienza, è riuscita a farmi riavere gambe bellissime.” Maria
‟Debbo dire che la terapia effettuata dalla Dottoressa Troyer è stata veramente efficace per le mie varici." Amedeo
‟Mi sono finalmente liberata di quelle vene antiestetiche che mi tormentavano dall'adolescenza in poi!." Ramona