Dott.ssa Luisella Troyer
Chirurgo Vascolare Angiologo a MilanoAngiologo a Milano

Specializzata in linfedema e lipedema

Migliaia di casi clinici trattati con successo.
20 anni di Chirurgia Vascolare.
Alta diagnostica non invasiva.
L'eccellenza nella cura delle linfopatie.
La costante ricerca medica sul lipedema.
Oltre trent'anni d'esperienza per curarti.
Il tuo Angiologo a Milano.

Dottoressa Luisella Troyer Chirurgo Vascolare a Milano

Hai un problema?
Chiedi aiuto alla
Dott.ssa Luisella Troyer.
È QUI PER AIUTARTI,
SEMPRE.

Richiedi ora l'aiuto della
Dott.ssa Luisella Troyer
Lasciaci ora il tuo numero, e ti richiameremo subito.
Riceverai una chiamata entro 24 ore

I miei pazienti dicono:
‟Dottoressa eccezionale. Sono un caso raro e particolarmente difficile, eppure in questi anni in cui mi sta seguendo si è sempre mostrata abilissima e sempre disponibile, e mi ha aiutato più volte.” Carlo
‟La dottoressa Troyer si distingue per la sua empatia, professionalità e cordialità. Mi ritengo molto soddisfatta." Deborah
‟La Dott.ssa Troyer ti accoglie e mostra da subito empatia nei confronti del paziente, motivando le soluzioni adatte alla risoluzione della problematica. Staff meraviglioso e sempre disponibile nel rispondere a qualsiasi bisogno e necessità del paziente!" Elisa

Attenzione: quest'articolo tratta di materie a carattere medico scientifico.
Per quanto le informazioni in esso contenute siano state selezionate e riportate con cura e con la massima precisione scientifica, non possono e non potranno mai sostituire il parere medico o una visita medica specialistica, e debbono pertanto essere utilizzate per uso esclusivamente informativo.
In caso di dubbi e o domande, chiedi sempre consiglio ad un medico.

Quest'articolo è stato aggiornato dalla Dott.ssa Luisella Troyer il giorno: mercoledì 13 aprile, 2022

Luisella Troyer - MioDottore.it

La diagnosi del lipedema: come si esegue, chi è il Medico che può effettuarla?

Il trattamento del lipedema e del grasso delle gambe a Milano

Molte donne, giovani e non, passano un’intera vita a struggersi e rammaricarsi sulla forma del loro corpo.
Spesso, tale disagio psicologico aumenta esponenzialmente con l’età, fino a raggiungere severi livelli di disagio, sia comportamentale che relazionale.
A volte, per la paziente è impossibile accettare una determinata forma che il suo DNA ha già programmato per lei.

Questa insofferenza solitamente peggiora per colpa degli stimoli esterni: un marketing commerciale aggressivo e violento, che impone modelli estetici totalmente innaturali, le convinzioni di una società che disprezza chi non rientra in certi ‘modelli standard’ (labili e variabili nel corso dei secoli), spesso anche vera e propria cattiveria da parte di altre donne, che non perdono occasione per far notare alla paziente quanto ‘sia grassa’.

In realtà, il lipedema non è un problema di obesità: non dipende dalla dieta e neppure dall’attività fisica.
Semplicemente, è una conformazione genetica, patologica.
Arrivare però a questa considerazione non è facile per la giovane ragazza che spesso, per i motivi riportati sopra, non sa neppure cosa sia la condizione in cui si trova.

Ecco perché è importante, sia a livello funzionale che psicologico, trovare presto un Medico preparato, esperto proprio nel lipedema, che possa arrivare ad una diagnosi certa e definitiva.
Una diagnosi sicura di lipedema, specie in giovane età, non solo è un benefit psicologico, ma serve anche ad indirizzare la giusta terapia per, eventualmente, risolvere o ridurre l’accumulo patologico di grasso, che rende il corpo non proporzionato.

La Dott.ssa Luisella Troyer, in oltre 30 anni di esperienza diretta con migliaia di casi di lipedema, può aiutarti ad iniziare il tuo percorso di autocoscienza, che potrà anche portarti a considerare le opzioni mediche o chirurgiche che ti potranno far sentire meglio.
Leggi questa pagina per scoprire come si diagnostica il lipedema, e cosa comporta la visita clinica che arriva alla diagnosi.

Molte pazienti domandano spesso, in fase di visita, se i trattamenti ablativi del grasso del lipedema, sia medici che chirurgici, siano stabili e duraturi nel tempo, e se il grasso eliminato possa, in futuro, riformarsi.

Fermo restando che il corpo umano è una struttura perennemente in mutazione (molto nella fase bambina e adolescente nella vita, poco in quella adulta e di nuovo molto in vecchiaia), va specificato che non tutto il grasso è uguale.

Nell'essere umano, gli adipociti (le cellule di grasso) hanno capacità replicativa solo fino all'età bambina della vita, cioè fino ai 7-8 anni.
Dopo, perdono tale capacità di replica, e conservano solo quella dell'aumento di volume.

Ecco perché, quando ingrassiamo da adulti, essenzialmente è perché i nostri adipociti si 'gonfiano', diventando sempre più voluminosi, e non perché aumentano in numero.

Ciò vuol dire che, se distrutti con la Cavitazione Medica oppure aspirati con la liposuzione, tali adipociti non si formeranno mai più.
Questo però non vuol dire poi non seguire una dieta varia ed equilibrata, e neppure smettere la regolare attività fisica: gli adipociti restanti possono sempre aumentare poi di volume, con il rischio di vanificare quanto fatto in precedenza.

Per prima cosa: cos’è il lipedema?

Il lipedema (da edema, gonfiore, e lipidi, grassi) è una condizione patologica che riguarda esclusivamente il sesso femminile.
Si manifesta come un accumulo sproporzionato di grasso, che coinvolge punti ben specifici del corpo: fianchi, addome, glutei, cosce, caviglie e, a volte, anche la zona brachiale.

Dove si accumula il grasso nella donna?
Al contrario dell'obesità, il lipedema non colpisce tutto il corpo della donna, ma si concentra solo su punti specifici (evidenziati in rosso nell'immagine):
braccia, fianchi, glutei, cosce, ginocchia e caviglie.
Differentemente dell'obesità, il lipedema non fa mai accumulare grasso su piedi, mani, tronco e viso

Curiosamente, tale accumulo dismorfico non affligge mai mani o piedi, che rimangono quindi sempre ‘asciutti’, cioè di normali proporzioni.
Anche la testa, il collo, il tronco, schiena ed avambraccio non sono mai interessati da questo accumulo patologico.
Questa caratteristica fa sì che il corpo della paziente affetto da lipedema sia visibilmente sproporzionato: la parte superiore risulta sempre normale (spesso, addirittura magra) mentre quella inferiore ha tutt’altra forma, con un’evidente concentrazione di adipe.

Il trattamento del lipedema e del grasso delle gambe a Milano
Vari tipi di gravità del lipedema: dal livello più lieve (I stadio) a sinistra, fino al V stadio a destra

Per questo la patologia è spesso anche definita ‘la malattia dei due corpi’, poiché alla vista la paziente risulta in effetti sproporzionata, benché in situazione di normoconformazione.
Proprio questa ‘sproporzione’ è la causa principale dei disagi psicologici della paziente, che generalmente non si accetta e crede, sbagliando, di essere semplicemente ‘grassa’.

Quali problemi può dare il lipedema?

L’accumulo sproporzionato di grasso causa sia danni psicologici che funzionali alla paziente.
Tra i danni psicologici possiamo trovare:

  • Mancata accettazione del proprio corpo (spesso, un vero e proprio rifiuto);
  • Conflitti genitoriali, poiché la paziente, quasi sempre giovane, colpevolizza i genitori di averla ‘fatta’ con tale forma;
  • Chiusura sociale ed isolamento;
  • Difficoltà a relazionarsi con compagni di scuola, di lavoro o anche solo conoscenti;
  • Difficoltà ad instaurare relazioni sentimentali;
  • Patologie dell’alimentazione, come anoressia o bulimia, accompagnata o meno da sensi di colpa;
  • Auto-denigrazione e mancanza di autostima

Tra le complicanze fisiche invece troviamo:

  • Aspetto estetico dismorfico ed esteticamente ritenuto non piacevole dalla stessa paziente;
  • Difficoltà a trovare abiti o indumenti della giusta misura, in quanto il corpo non è proporzionato;
  • Teleangectasie, edemi e capillari che si formano spontaneamente;
  • Senso di pesantezza ed affaticamento alle gambe, anche senza particolare attività ortostatica;
  • Dolore alla palpazione o alla pressione dell’area affetta da lipedema, che in alcune pazienti diventa insopportabile, anche con leggere forze;
  • Nei casi severi, difficoltà di movimento e dell’autonomia;
  • Nei casi severi, formazione di un lipo-linfedema, ossia un’ostruzione dei vasi linfatici con conseguente formazione di stasi linfatica (linfedema)

La diagnosi del lipedema: come si esegue?

Allo stato attuale della Medicina, la diagnosi del lipedema è clinica.
Ciò vuol dire che è necessaria la visita di un Medico esperto nella patologia, che dovrà necessariamente eseguire un esame clinico ben specifico.
Datosi che il lipedema è una patologia ancora semi-sconosciuta anche a molti Medici (spesso, confusa con lo stato di obesità), è essenziale che la diagnosi sia effettuata da un Medico con una profonda esperienza pregressa.
Solitamente, tale esperienza si acquisisce nel corso degli anni, direttamente sul campo, analizzando uno ad uno i casi clinici.

La visita per accertare o meno lo stato di lipedema segue determinati passaggi:

  • Anamnesi del paziente
    L’anamnesi serve non solo a raccogliere informazioni sullo stato di salute effettivo del paziente, ma anche ad accertare o meno la presenza di altri casi di lipedema in famiglia.
    Essendo il lipedema una patologia geneticamente trasmessa, è difatti molto frequente che la paziente riconosca le sue forme in altri componenti della famiglia, ad esempio madre, zie, nonna, sorelle, ecc.;
  • Ispezione visiva
    Il Medico ispeziona visivamente la paziente, principalmente nelle zone focali dove la patologia si manifesta, cioè le gambe e i glutei.
    La paziente viene quindi accuratamente visitata, per accertare lo stato effettivo di accumulo di grasso e la presenza di ematomi o teleangectasie, molto frequenti nel lipedema.
    Viene anche valutato lo stato di tonicità della pelle, requisito essenziale per eventuali trattamenti, sia medici che chirurgici;
  • Palpazione e scala del dolore
    Il Medico effettua una determinata palpazione sull’area affetta da lipedema (di varia intensità), e chiede alla paziente di riportare l’eventuale dolore provato, secondo una scala tecnica chiamata scala VAS.
    La presenza di dolore superiore a 5 alla palpazione moderata è quasi sempre indicativo di lipedema;
  • Valutazione posturale
    Il Medico fa eseguire alcuni passi alla paziente, in cui ne analizza la camminata e la postura.
    Questo perché, pesando sulle gambe, spesso la massa adiposa crea vero e proprio dolore e pesantezza durante la camminata, sbilanciando la paziente;
  • Misurazione dello strato di adipe
    Il Medico, tramite esame ecografico, valuta lo spessore dello strato adiposo, cioè la quantità di grasso tra cute e fascia muscolare.
    Le misure sono espresse in millimetri, e grazie ai moderni apparecchi Doppler sono estremamente precise.
    Quest’esame è di fondamentale importanza nel caso di futura terapia, sia medica che chirurgica, in quanto da l’idea di quanto grasso si possa effettivamente asportare dalla paziente;
  • Misurazione ponderale e altezza
    Il Medico misura la paziente, sia in altezza che nel peso

Questi sono i passaggi di una visita standard di diagnosi del lipedema.
A discrezione del Medico, tali passaggi possono essere integrati anche con esami ematici, utili non tanto alla diagnosi del lipedema, quanto per eventuali trattamenti medici o chirurgici di terapia.
Nei casi di lipo-linfedema, il Medico può anche prescrivere un particolare esame diagnostico, chiamato Linfoscintigrafia.

Il lipedema è una patologia la cui chiara identificazione nelle branche della Medicina non è ancora universalmente possibile.
Molti Medici la fanno rientrare nei disturbi del peso e dell'alimentazione (sbagliando), altri la inquadrano nel settore dell'Endocrinologia, alcuni altri nella Dietologia.

I settori della Medicina che comunque hanno più esperienza col lipedema sono giocoforza la Chirurgia Plastica e la Medicina Estetica, poiché, a conti fatti, il lipedema è essenzialmente tessuto adiposo patologico che può essere rimosso (con limiti).

Questa confusione in ambito medico porta la paziente a non sapere dove andare, esattamente, per avere una diagnosi precisa della patologia.
Si sta tendando, a fatica, di trovare una scala comune di valutazione internazionale, ma i modelli attuali, benché validi, non hanno ancora raggiunto un accordo unitario tra i Medici, e sono quindi poco più di una traccia.

Quindi, per avere una diagnosi razionale e affidabile, la paziente deve necessariamente rivolgersi non tanto ad uno specialista in particolare, quanto ad un Medico con comprovata esperienza diretta sul campo.

La tipizzazione e la stadiazione del lipedema

Il trattamento del lipedema e del grasso delle gambe a Milano

I passaggi elencati in alto servono al Medico per stilare quella che in gergo viene definita tipizzazione del lipedema, con annessa la sua stadiazione.
Difatti, come molte altre patologie, il lipedema si può presentare in differenti forme, chiamate tipi, e con differenti stati di gravità.

Alla diagnosi, è dunque essenziale arrivare ad una conclusione certa e razionale della patologia, indicando quindi il suo tipo e il suo stadio.
Tipo e stadio sono due parametri non correlazionati tra di loro, e peraltro possono avere classificazione differente.
Affinché la paziente sia conscia della sua condizione, è compito del Medico illustrarle tutte le differenze tra tipi e stadi della patologia.

Il tipo di lipedema
I punti del corpo dove il lipedema può manifestarsi: I tipo ai fianchi; II tipo ai fianchi e alle cosce; III tipo ai fianchi, cosce e caviglie; IV alle braccia; V alle caviglie

La tipizzazione è la classificazione della forma del lipedema, cioè la zona del corpo dove la paziente sperimenta l’accumulo abnorme di grasso.
Ne esistono di cinque tipi:

  • Lipedema I tipo
    La massa adiposa affligge fianchi e, in parte, i glutei.
    Viene chiamata in gergo ‘Culotte de Cheval’, ed è una situazione tipica in cui molte donne mediterranee si ritrovano;
  • Lipedema II tipo
    La massa adiposa si estende dai fianchi su tutte le cosce, fino al ginocchio;
  • Lipedema III tipo
    La massa adiposa affligge fianchi, glutei, cosce e tutta la caviglia, fino al malleolo. Non affligge però mai il piede;
  • Lipedema IV tipo
    Uguale al III tipo, ma vi è un’estensione dell’accumulo adiposo anche nella zona brachiale;
  • Lipedema V tipo
    La massa adiposa affligge esclusivamente la caviglia, dalla zona del poplite fino al malleolo

La stadiazione è invece la classificazione del volume dell’accumulo adiposo.
In poche parole: quanto è grosso il lipedema.
Ne esistono sei stadi:

  • Lipedema I stadio
    Accumulo lieve, confuso spesso con l’adiposità localizzata (chiamata erroneamente ‘cellulite’).
    Si presenta come un inestetismo superficiale, con piccoli noduli e imperfezioni che affliggono la zona interessata.
    Può essere trattato con successo con gli ultimi protocolli medici come Cavitazione Medica e Radiofrequenza Medica;
  • Lipedema II stadio
    L’accumulo adiposo diventa più consistente, e i piccoli noduli di grasso diventano molto più evidenti.
    Possono formarsi spontaneamente ematomi e teleangectasie, dovute alla pressione del grasso sui tessuti sottostanti.
    Se preso per tempo, può essere trattato con la Cavitazione Medica, unita agli ultrasuoni focalizzati HiFu;
  • Lipedema III stadio
    L’accumulo adiposo diventa chiaramente visibile anche ad un occhio non clinico.
    Le proporzioni del corpo cominciano a cambiare, e la parte affetta da lipedema comincia a perdere la sua naturale forma, per divenire dismorfica.
    I noduli di grasso sono molto evidenti, spesso dolenti, e si formano ematomi spontanei e teleangectasie per tutta la superficie del lipedema.
    La pelle perde la sua naturale liscezza e diviene frastagliata ed irregolare, con la tipica conformazione ‘a buccia d’arancia’.
    Può essere trattato con la liposuzione e uno o più cicli di trattamenti ad energia (Radiofrequenza Medica e HiFu);
  • Lipedema IV stadio
    L’accumulo di grasso è iper-voluminoso e deforma completamente la parte, facendo divenire il corpo della paziente totalmente sproporzionato.
    Si formano spontaneamente grandi ematomi, accompagnati da teleangectasie diffuse.
    Solitamente dolente al tatto, l’eccessivo peso comincia a rendere i movimenti della paziente affaticati e innaturali.
    È risolvibile solo con la liposuzione: i trattamenti conservativi palliativi hanno efficacia limitata;
  • Lipedema V stadio
    L’accumulo di grasso diviene abnorme, tanto che la paziente ha difficoltà anche a compiere le normali attività quotidiane.
    La pelle perde la sua naturale compattezza per divenire pastosa, prolassata e con evidenti noduli di grasso sottocutaneo, a volte grandi anche come un pugno.
    La paziente ha solitamente molto dolore anche durante la camminata, e al tatto la superficie della cute è insolitamente fredda (segno della difficoltà dell’organismo di scaldare gli strati più esterni, per via dello spesso grasso).
    La situazione necessita di urgente revisione chirurgica, correlata quasi sempre a dermoplastica;
  • Lipedema VI stadio (lipo-linfedema)
    Evoluzione drammatica del V stadio, in cui la massa di grasso comprime e schiaccia i vasi linfatici, causando stasi linfatica e la formazione di un linfedema.
    È una situazione estrema e pericolosa, che necessita di immediate cure decongestive
I vari stadi del lipedema e dell'accumulo patologico di grasso sul corpo femminile
I vari stadi del lipedema, partendo da un corpo non patologico (figura 0).
Stadio I, lipedema lieve; stadio II, lipedema conclamato; stadio III, lipedema conclamato con interessamento delle caviglie; stadio IV, lipedema grave; stadio V, linfo-lipedema di entità severa

E dopo la visita, che succede?

Dopo che il Medico avrà finito il referto e la cartella clinica della paziente, si potrà procedere alla fase successiva, cioè il percorso terapeutico.
Sostanzialmente esistono due tipi di atteggiamento nel caso del lipedema:

  • Atteggiamento conservativo, in cui la paziente prende atto della sua condizione e l’accetta.
    In questo caso, il Medico provvede a prescrivere una terapia palliativa di tipo conservativo, basata sull’uso di speciali calze elastiche su misura, dieta equilibrata ed attività in acqua;
  • Atteggiamento radicale, in cui la paziente, preso atto della sua condizione, vuole cambiarla o almeno attenuarla.
    In questo caso, il Medico provvede a prescrivere una terapia, che può essere medica o chirurgica.

La terapia medica, possibile solo nei casi lievi di lipedema, si basa sull’esecuzione di speciali trattamenti medico-estetici, non invasivi e incentrati sulla distruzione dall’interno delle cellule adipose.
Il trattamento principe è la Cavitazione Medica, che si fonda sul principio della cavitazione fisica, ed usa speciali macchinari ad ultrasuoni per ottenere il suo scopo.
Tale trattamento è spesso abbinato, a seconda del protocollo ideato dal Medico, ad altri trattamenti ad energia, come la Radiofrequenza Medica e gli ultrasuoni HiFu.

Il trattamento chirurgico è invece il trattamento necessario nei casi di lipedema avanzato (dal III stadio di gravità in su).
Tale trattamento prevede l’asportazione chirurgica del grasso mediante aspirazione, con una tecnica nota come liposuzione.
È un trattamento estremamente efficace, ormai molto meno invasivo rispetto al passato, ma è comunque un trattamento chirurgico che prevede sedazione e (breve) ricovero ospedaliero.

Alternativamente, è possibile trattare alcuni casi di lipedema specifici (ad esempio, il lipedema di I o V tipo) con una mini-liposuzione super-localizzata, chiamata liposcultura.

La Dott.ssa Luisella Troyer, in collaborazione con la Dott.ssa Antonella Montagnese, ha ideato un particolare protocollo chirurgico esclusivamente per il lipedema, chiamato Liposuzione a Zone Selettive.
In tale protocollo, pensato per essere mini-invasivo per la paziente, viene incluso anche uno speciale ciclo di trattamento ad energia (Radiofrequenza Medica e HiFu), combinati dopo l’intervento chirurgico per massimizzarne i risultati.

Dove posso andare per la diagnosi di un lipedema?

I vari stadi del lipedema e dell'accumulo patologico di grasso sul corpo femminile
Lipedema di III tipo, V stadio di gravità

Il lipedema è una patologia ancora poco conosciuta in ambito medico, specie in Italia, dove spesso è confusa con l’obesità.
Ciò vuol dire che molti Medici stessi non conoscono la patologia, e la confondono con altre manifestazioni, minimizzandone l’entità ed il disagio per la paziente (che vede quindi accrescere la sua frustrazione).

Se hai bisogno di una diagnosi certa per il tuo presunto lipedema, devi quindi recarti da un Medico con profonda esperienza nella materia.
Questo può essere dunque un problema, poiché di specialisti dedicati, in Italia, ce ne sono pochi.

A Milano, la Dott.ssa Luisella Troyer si occupa da oltre trent’anni del lipedema, ed è stata uno dei primi Medici ad ipotizzare la sua stessa esistenza come patologia, sul finire degli anni ’90.
Nel corso della sua carriera professionale, ha visitato oltre 3.000 casi di pazienti affette da lipedema, e ha creato sua sponte dei protocolli specifici di diagnosi e di terapia, basati sia sull’approccio medico che chirurgico.

Ogni giorno, nel suo studio di Milano, prezzo la Julius Clinic di Via Antonio Stoppani 36, la Dottoressa visita ed aiuta decine di ragazze e donne, sia dal punto di vista medico-chirurgico che anche (non meno fondamentale) dal punto di vista psicologico.

Agevolazioni per pazienti molto giovani: non promozione, ma un aiuto concreto

La Dott.ssa Luisella Troyer, da sempre estremamente sensibile al problema delle giovani donne (spesso, adolescenti) che si sentono emarginate ed escluse a causa di colpe non loro, ha da sempre imposto un’agevolazione particolare per la prima diagnosi del lipedema.

Come Medico, la Dott.ssa Luisella Troyer considera la parte prettamente economica del suo lavoro non di sua competenza, ma si è sempre assicurata che le giovani donne under 29 abbiano, nella sua prima visita, un trattamento agevolato.
Questo, per motivi sia medici che psicologici: diagnosticare il lipedema ad una giovane donna prima che essa cominci ad auto-punirsi con diete estreme e iper-attività fisica (totalmente inutile, in quanto il lipedema non risponde né a dieta e né a palestra) è considerato dalla Dottoressa essenziale, per proteggere la salute della paziente.

Se sei quindi una giovane donna under 29 e sospetti di essere affetta da lipedema, chiama la segreteria della Dottoressa al 348.96.89.650 e specifica la tua età: ti sarà riservato un trattamento economico agevolato, sia per la visita che per le eventuali terapie.
Questa non è una promozione commerciale, per il semplice motivo che la Dott.ssa Luisella Troyer non ne ha bisogno.
È un aiuto diretto e concreto affinché tu possa stare bene, sia psicologicamente che fisicamente.

Le tue gambe sono in questo stato?

La cavitazione medica per il lipedema a Milano

Scopri la Cavitazione Medica della Dott.ssa Troyer

clicca qui e scopri cos'è
Chirurgia Vascolare, angiologia e terapia del linfedema a Milano
Quindi ricorda che...
  • Il lipedema è un accumulo sproporzionato e patologico di grasso, e affligge esclusivamente la popolazione femminile;
  • Il lipedema si manifesta solitamente dopo la pubertà, alla maturazione sessuale della donna;
  • Dieta o palestra sono inefficaci contro il lipedema;
  • Il lipedema è una condizione cronica e, spesso, degenerativa;
  • Avere una diagnosi certa e razionale della malattia, specie se molto giovani, aiuta ad intraprendere al meglio il percorso conservativo o risolutivo;
  • La diagnosi del lipedema si basa sull'esame clinico, coaduivato dall'esame ecografico;
  • Se sei una giovane donna under 29, la Dott.ssa Troyer ha per te un piano diagnostico e terapeutico agevolato

Non sai se sei affetta da lipedema? A Milano, posso aiutarti

Contatta il tuo chirurgo vascolare a Milano

Mi occupo di lipedema da oltre trent'anni, e sono stata uno dei primi Medici a battersi affinché venisse riconosciuto come vera e propria patologia, nonostante le iniziali difficoltà (anche con diversi Colleghi) sull'unanimità di vedute e di diagnosi.
Come Medico, ritengo un grande valore professionale, nonché una grande soddisfazione umana, aver aiutato migliaia di donne a capire il loro reale stato fisico, ed averle aiutate, quanto possibile, con percorsi personalizzati di terapie, anche chirurgiche.

Ho messo a punto svariati protocolli sia contenitivi che risolutivi, sia medici che chirurgici, proprio per aumentare la qualità di vita delle mie pazienti, che spesso vengono da situazioni di grande disagio, non solo fisico ma psicologico.
Nel mio studio presso la clinica Julius Clinic di Milano, in zona Porta Venezia, troverai non solo un supporto diagnostico, ma anche umano e psicologico.
Perché il lipedema non deve condizionare la tua felicità, né la grande opportunità che hai essendo viva.
E io sono sempre al tuo fianco.

Hai una polizza assicurativa Unisalute?
La Dott.ssa Luisella Troyer è un Medico convenzionato

Medico convenzionato con Unisalute

Se hai una polizza Unisalute, puoi effettuare una visita in convenzione con la Dott.ssa Luisella Troyer.
La Dott.ssa Luisella Troyer è infatti un Medico convenzionato con Unisalute: le visite ed i trattamenti della Dottoressa possono quindi esserti rimborsati dalla tua assicurazione, secondo il tuo piano sanitario.
Chiedi tutte le info al nostro centralino chiamando il 348.96.89.650: saremo felici di aiutarti.

Condividi questa pagina

Vuoi prenotare una visita con me online? Fallo da qui

Se vuoi prenotare rapidamente una visita con me nel mio studio di Milano, presso la Julius Clinic di Via Antonio Stoppani, 36 (zona Porta Venezia), puoi farlo comodamente da qui.
Clicca sul pulsante PRENOTA UNA VISITA qui in basso, e scegli il primo appuntamento disponibile in modalità sicura e protetta, grazie a Miodottore.it

Luisella Troyer - MioDottore.it

Mandami un messaggio. Sono qui per aiutarti.

Angiologo Milano - Cura del linfedema e del lipedema

Compila il modulo sottostante e verrai ricontattato entro 24 ore.
Ricorda che, per obblighi deontologici (e anche per buon senso) non posso effettuare diagnosi a distanza.
Tutti i miei eventuali consigli o pareri non potranno mai sostituire una visita specialistica.

Tutti i campi con * sono obbligatori.

*

Questo modulo è sicuro e protetto da Google reCAPTCHA
I miei pazienti dicono:
‟Empatia e professionalità: non guarda l'orologio, e mi ha tenuta in visita per oltre un'ora. Estremamente soddisfatta!” Giulia
‟Mi ha particolarmente colpito il grande scrupolo con cui ha eseguito il doppler: non ci vedeva chiaro sulla mia situazione, e fortunatamente ha approfondito. Se dico che sono salvo solo grazie a lei sembra esagerato, ma è così." Armando
‟Ulcera che mi tormentava da anni, anche per mia negligenza. Mi ha molto sgridata, ma ha fatto bene: il piede è salvo solo grazie a lei!" Roberta