Il tuo Angiologo a Milano,
per gambe belle e sane.
Da oltre 30 anni, l'eccellenza specialistica per le tue gambe.
Un mondo di salute e benessere per le tue gambe, frutto della costante ricerca medica specialistica della Dott.ssa Luisella Troyer:
Il tuo angiologo di eccellenza a Milano
Il tuo Angiologo a Milano,
per gambe belle e sane.
Un mondo di salute e benessere per le tue gambe, frutto della costante ricerca medica specialistica della Dott.ssa Luisella Troyer:
Il tuo angiologo di eccellenza a Milano
Da oltre 30 anni, l'eccellenza specialistica per le tue gambe.

Dott.ssa Luisella Troyer
Chirurgo Vascolare Angiologo a MilanoAngiologo a Milano

Specializzata in linfedema e lipedema

Migliaia di casi clinici trattati con successo.
20 anni di Chirurgia Vascolare.
Alta diagnostica non invasiva.
L'eccellenza nella cura delle linfopatie.
La costante ricerca medica sul lipedema.
Oltre trent'anni d'esperienza per curarti.
Il tuo Angiologo a Milano.

Dottoressa Luisella Troyer Chirurgo Vascolare a Milano

Hai un problema?
Chiedi aiuto alla
Dott.ssa Luisella Troyer.
È QUI PER AIUTARTI,
SEMPRE.

Richiedi ora l'aiuto della
Dott.ssa Luisella Troyer
Lasciaci ora il tuo numero, e ti richiameremo subito.
Riceverai una chiamata entro 24 ore

I miei pazienti dicono:
‟La sua umanità e la sua comprensione per la mia patologia sono qualità a cui non do davvero prezzo. Grazie Dottoressa.” Giovanni
‟A Milano, ma credo anche in Italia, è dura trovare medici specializzati in linfologia come la Dottoressa Troyer. Consigliatissima." Enzo
‟Secondo me la medicina deve essere anche così: il supporto psicologico al paziente è fondamentale, almeno per me." Luca

Attenzione: quest'articolo tratta di materie a carattere medico scientifico.
Per quanto le informazioni in esso contenute siano state selezionate e riportate con cura e con la massima precisione scientifica, non possono e non potranno mai sostituire il parere di un Medico o una visita medica specialistica, e debbono pertanto essere utilizzate per uso esclusivamente informativo.
In caso di dubbi e o domande, chiedi sempre consiglio ad un Medico.

Quest'articolo è stato aggiornato dalla Dott.ssa Luisella Troyer il giorno: mercoledì 02 novembre, 2022

Luisella Troyer - MioDottore.it

Il rigonfiamento degli arti dopo un intervento oncologico

Il trattamento del linfedema a Milano

Hai subito un intervento oncologico, quindi di asportazione chirurgica di un tumore e ora, anche a distanza di molti anni, noti che il tuo braccio o la tua gamba si stanno ‘gonfiando’?

Il motivo di ciò è che, molto probabilmente, durante l’operazione che ti ha salvato la vita una parte del tuo sistema linfatico è stata danneggiata, e ora stai sviluppando quello che in gergo medico viene definito linfedema.

Il linfedema è una patologia invalidante, cronica e degenerativa: il paziente, oltre a patire già molto disagio per via della stasi linfatica, spesso si trova psicologicamente abbattuto, in quanto la sua condizione trova il colpevole menefreghismo di molti Medici, spesso impreparati nel diagnosticare e nel trattare efficacemente uno stato spesso molto complicato.

Se sperimenti anche tu un gonfiore anomalo di un braccio, di una gamba, di una qualsiasi parte del corpo dopo aver subito un’asportazione tumorale, leggi questa pagina: la Dott.ssa Luisella Troyer è un Chirurgo Vascolare specializzata in Linfologia, e può aiutarti a stare meglio.

Cos’è il sistema linfatico?

Il sistema linfatico umano

Schema del sistema linfatico umano.
In verde, le ramificazioni , in giallo il timo, ossia l'organo linfoepiteliale principale del corpo.
Un danneggiamento in qualsiasi parte del sistema linfatico può provocare un linfedema, ovverosia un blocco della circolazione della linfa

Il sistema linfatico è una complessa e ramificata struttura di sottili vasi (i vasi linfatici), che permea tutto il corpo umano, e di quello dei mammiferi in generale.

È un sistema che affianca la circolazione arteriosa e venosa, e ha due scopi principali: il drenaggio della linfa e, non secondariamente, la veicolazione della risposta immunitaria.

La linfa è un liquido ad alto contenuto proteico, prodotta come sostanza di scarto dal metabolismo cellulare.

Viene riversata dai tessuti nello spazio interstiziale, dove grazie ai vasi linfatici viene costantemente assorbita, e riversata poi nel circolo venoso, completando lo smaltimento.

Oltre alle già citate proteine, la linfa contiene acqua, lipidi (grassi) e, presenza fondamentale, linfociti (anticorpi).

Difatti, proprio grazie al fitto e ramificato sistema linfatico il corpo umano ‘spedisce’ gli anticorpi ovunque nell’organismo, provvedendo quindi alla pronta risposta immunitaria.

Sparsi in giro per il sistema linfatico vi sono poi dei particolari piccoli organi, chiamati linfonodi (o linfoghiandole).

Questa vere e proprie ‘stazioni di sorveglianza’, parte integrante e fondamentale del sistema linfatico, non solo aiutano a smistare il passaggio della linfa, ma sono delle vere e proprie ‘banche dati’ dove il nostro corpo memorizza tutto il genoma degli microorganismi che l’hanno in precedenza attaccato.

Grazie ai linfonodi, quindi, il nostro corpo ‘si ricorda’ di virus, batteri e parassiti con cui ha avuto a che fare (sia naturalmente, sia grazie alla vaccinazione), e riesce quindi a produrre velocemente anticorpi specifici per il microbo nel caso esso si ripresenti, nel futuro.

Ecco perché, solitamente, non ci ammaliamo più di una stessa infezione virale dopo che l’abbiamo patita (o per cui ci siamo vaccinati).

Grazie al sistema linfatico il nostro corpo bilancia anche in modo ottimale le sue risorse idriche, evitando l’accumulo abnorme di acqua nei tessuti.

Per questi motivi e per queste particolari caratteristiche, il sistema linfatico è definito spesso ‘il sistema a protezione della vita’, poiché senza la sua presenza non solo finiremmo intossicati dalle nostre stesse sostanze di scarto, ma saremmo completamente indifesi di fronte alle costanti minacce microbiche.

Soffri di linfedema?
Chiedimi aiuto ora

In Medicina, il sistema linfatico è considerato parte del sistema vascolare, con cui comunque condivide i punti di contatto grazie al sistema venoso, che è meta ultima del lungo viaggio della linfa.

Le proteine, i grassi, il surplus d'acqua e anche batteri e virus morti sono drenati dai vasi linfatici e si riversano nella circolazione venosa, dove verranno poi smaltiti dagli organi deputati (fegato, reni e milza).

Cosa succede se il sistema linfatico si danneggia?

Il trattamento del linfedema a Milano

Il bilanciamento dei liquidi che garantisce il sistema linfatico e la sua fondamentale azione a difesa dell’organismo sono meccanismi molto efficienti, ma comunque delicati.
Datosi che, come detto, il sistema linfatico provvede sia a drenare la linfa che a inviare per l’organismo gli anticorpi, un generico danno a questo ‘circuito veloce privilegiato’ ha grosse ripercussioni su tutto il corpo.

Quando una parte del fitto reticolato di vasi linfatici viene danneggiata, oppure si assiste ad un danneggiamento di più stazioni linfonodali, sia la linfa che il passaggio naturale dei linfociti risulta compromesso.
Ne conseguono diversi problemi direttamente correlati, di cui il primo e più evidente prende il nome di stasi linfatica.

La stasi linfatica è il fenomeno che si manifesta quando la linfa prodotta dai tessuti non è efficacemente e sufficientemente drenata dal sistema linfatico.
Poiché, nell’adulto, la produzione di linfa è considerevole e costante (circa due litri ogni 24 ore), basta anche un piccolo problema circolatorio linfatico per causare in breve tempo un rigonfiamento del tessuto interstiziale che prende il nome di linfedema.

Essendo principalmente composta da proteine, la linfa ristagnante ed impossibilitata a riversarsi nel circolo ematico in breve tempo coagula, indurendosi e divenendo fibrotica.

Il paziente quindi sperimenta dapprima un gonfiore diffuso in corrispondenza della parte del corpo in cui il sistema linfatico è danneggiato, per poi cominciare ad avere grandi difficoltà di movimento causate dall’indurimento della linfa.

Un altro effetto collaterale del linfedema e della stasi linfatica si manifesta in una sorta di immunodepressione acquisita, non generalizzata in tutto il corpo ma localizzata proprio nella parte in cui la linfa ristagna.
Non avendo l’opportunità di inviare velocemente ed efficacemente i linfociti per via del blocco linfatico, l’organismo ha difficoltà a provvedere alla risposta immunitaria della parte affetta da linfedema.

Ciò vuol dire che lesioni anche banali (come graffi o punture d’insetto) della parte malata si possono tramutare in ulcerazioni profonde, che sfociano presto in macerazione dei tessuti e, in casi estremi, vera e propria gangrena.

Non solo: senza necessariamente che la piccola lesione degeneri in un’ulcera, l’abbassamento delle difese immunitarie può comunque comportare un’infezione delle vie linfatiche, che prende il nome di linfangite.

Soffri di linfedema?
Chiedimi aiuto ora

Perché i pazienti oncologici sviluppano il linfedema ed il rigonfiamento di braccia e gambe?

Il trattamento del linfedema a Milano
L'edema linfatico causa un abnorme rigonfiamento della parte del corpo impossibilitata al corretto drenaggio della linfa.
Nei casi di pazienti oncologici, tale parte è solitamente attigua all'area trattata chirurgicamente

Esistono due tipologie di linfedema, basate sulla constatazione effettiva del danneggiamento linfatico, cioè la sua origine:

  • Linfedema primario;
  • Linfedema secondario (o acquisito)

Si definisce linfedema primario un linfedema causato da una malformazione congenita (cioè alla nascita) del sistema linfatico.

Tale malformazione può rimanere silente anche per molti anni, e scoppiare poi in un linfedema conclamato in qualsiasi momento, anche per incidenti banali (come una storta o un piccolo trauma).

Il linfedema secondario invece è causato da un danneggiamento esterno del sistema immunitario, cioè causato da un intervento chirurgico oppure un trauma che ha reciso, o comunque danneggiato, i vasi linfatici o i linfonodi.

Nella maggior parte dei casi, gli interventi chirurgici che portano al linfedema secondario sono le operazioni di rimozione tumorale.

Per consolidati protocolli chirurgici, difatti, i pazienti che subiscono una terapia chirurgica di rimozione di una neoformazione tumorale subiscono spesso (quasi sempre, anzi) l’asportazione anche delle stazioni linfonodali vicino alla neoplasia.

Questo, per un motivo molto chiaro e palese: tali linfonodi potrebbero essere stati già infettati dalle cellule tumorali, e potrebbero quindi propagare l’affezione in altri distretti corporali.

Questa procedura chirurgica, come detto ormai uno standard e attuata esclusivamente per garantire la massima sicurezza per il paziente, nel 20% dei casi da origine ad un linfedema.

Tale linfedema può svilupparsi subito dopo l’intervento oncologico oppure anche dopo molti anni, ed è quindi statisticamente imprevedibile la sua esatta comparsa temporale.

Ciò vuol dire che un paziente operato per la rimozione di un tumore può vedersi ‘gonfiare’ la parte vicina alla zona operata (un braccio, una gamba, una qualsiasi parte del corpo) anche dopo molti anni dall’operazione.
Questo è un evento che spaventa molto il paziente, sia per via della completa ignoranza in materia (spesso, frutto di Medici poco attenti alla corretta informativa sanitaria), sia per l’oggettiva difficoltà di trovare professionisti, cure e trattamenti specialistici per una patologia che, nel Sistema Sanitario Nazionale, è ancora pressoché ignorata.

Soffri di linfedema?
Chiedimi aiuto ora

C’è qualcosa che è possibile fare per prevenire in linfedema dopo un intervento oncologico?

Purtroppo, no: la formazione di un’eventuale stasi linfatica segue percorsi impronosticabili a priori, nell’effettiva gravità del linfedema e anche nella sua manifestazione temporale.
Sappiamo solo che il 20% dei pazienti operati sviluppa, statisticamente, un linfedema.
Ma non sappiamo quando.

Non esiste prevenzione per un linfedema secondario causato da un’operazione oncologica: il linfedema compare quando il sistema linfatico non riesce a drenare con successo la linfa da una data parte del corpo, ma tale probabilità di insuccesso, dopo un intervento tumorale, è imprevedibile.

Nell’80% dei casi, anche in presenza di rimozione di un cospicuo numero di linfonodi, il sistema linfatico trova comunque un modo per drenare la linfa, bypassando i vasi danneggiati grazie alla ramificata estensione del sistema in generale.

Soffri di linfedema?
Chiedimi aiuto ora

Durante un intervento di rimozione di un tumore, il protocollo standard di sicurezza prevede l'asportazione di tutta o parte della stazione linfonodale adiacente alla neoformazione.
Questo perché i linfonodi, proprio grazie alla capillarità del sistema linfatico, possono facilmente infettarsi con le cellule tumorali della neoplasia, dando origine ad una metastasi.

Nell'80% dei casi, il sistema linfatico del paziente riesce comunque a compensare l'inevitabile danneggiamento, ma in un residuo 20% si assiste alla formazione di un linfedema.
Tale evento non è pronosticabile a priori, e può manifestarsi anche molti anni dopo l'operazione oncologica.

Ho cominciato a sviluppare un linfedema dopo moltissimi anni dall’intervento chirurgico di rimozione del cancro. Come mai?

Il linfedema secondario causato dall’asportazione delle stazioni linfonodali durante la terapia chirurgica di un tumore può svilupparsi in qualsiasi momento, non necessariamente subito dopo l’intervento.

Nella sua imprevedibilità, il linfedema acquisito segue la stessa tendenza del linfedema primitivo, cioè quella di manifestarsi anche in seguito ad eventi banali, come piccole lesioni, distorsioni o stiramenti muscolari, piccoli traumi in generale.

I motivi del perché 2 pazienti su 10, già oncologici, sviluppano un linfedema anche dopo molti anni dall’intervento rimangono al momento non chiari alla Medicina.

Soffri di linfedema?
Chiedimi aiuto ora

Perché in Italia il paziente oncologico affetto da linfedema è sempre trascurato?

Purtroppo, la Linfologia in Italia è poco sviluppata, e mancano professionisti sanitari (e anche tecnici), nonché strutture dedicate in grado di prendere in cura i pazienti oncologici affetti da linfedema.
Rispetto alla sola Germania, terra dove è nata la prima terapia scientifica di trattamento della stasi linfatica, l’Italia sconta un enorme ritardo informativo (anche tra gli stessi Medici), economico, logistico.

Il sistema linfatico è considerato molto poco a livello accademico, e ancor meno a livello ambulatoriale e clinico.

Durante gli interventi chirurgici di rimozione di una neoplasia, le stazioni linfonodali sono considerate sacrificabili senza grosse problematiche, ed essenzialmente i Chirurghi si disinteressano ai possibili futuri problemi linfatici dei pazienti.

Spesso, il peregrinare da un Medico all’altro del paziente che ha sviluppato un linfedema dopo un intervento oncologico diventa una vera e propria Odissea.
Mancando dei Clinici con la giusta preparazione, il paziente viene ‘rimpallato’ da uno specialista all’altro, ritardando i trattamenti decongestionanti e peggiorando enormemente il suo stato di salute fisica (oltreché la sua psiche e qualità di vita).

Dispiace appurare che molto di questo disinteresse per il linfedema nasce da un problema prettamente economico: il linfedema non ha una terapia di cura, e non esiste né farmaco e né intervento chirurgico che possa ripristinare la parte del sistema linfatico danneggiata.
Ciò vuol dire poca ricerca e poco guadagno per il business sanitario.

Il tutto, a discapito del paziente e della sua condizione, spesso minimizzata quando non del tutto ignorata.

Soffri di linfedema?
Chiedimi aiuto ora

Quali sono i sintomi di un linfedema dopo un intervento tumorale?

Il trattamento del linfedema a Milano

Il paziente oncologico affetto da linfedema vede la parte del corpo adiacente al danneggiamento linfatico gonfiarsi oltre misura.
Inizialmente, tale edema è morbido e ‘soffice’ al tatto, ma ben presto la situazione cambia: coagulando, la linfa diviene fibrotica, quindi dura.
Ciò causa difficoltà di movimento al paziente, specie se il linfedema affligge gli arti inferiori.

Per effetto della deficienza immunitaria causata dalla stasi linfatica, la parte affetta da linfedema diviene più suscettibile alle infezioni, e la pelle si assottiglia, divenendo molto più fragile.
Ciò espone la zona ad un rischio maggiore di attacchi batterici e micotici, che possono dar facilmente luogo a linfangiti, cioè infezioni del sistema linfatico.

Se il linfedema non viene trattato con l’adeguata terapia decongestionante, l’eccesso di linfa può lacerare la pelle, dando origine ad un gemizio.
La fuoriuscita di linfa dal gemizio manda presto in macerazione l’epidermide, che sviluppa quindi arrossamenti e dermatiti, emanando spesso un odore nauseante e putrescente.

La macerazione della pelle può portare a dolorose ulcere linfatiche, che non guariscono fino a quando non si da atto alla giusta terapia decongestionante.

I sintomi del linfedema non regrediscono da soli, poiché il problema è causato da un’interruzione idraulica nel sistema linfatico danneggiato.
Questo rende il linfedema una patologia cronica ed irreversibile.

Soffri di linfedema?
Chiedimi aiuto ora

È possibile risolvere chirurgicamente il linfedema?

No, non è possibile.
Allo stato attuale della Medicina e della Chirurgia, non è ancora fattibile ricostruire parti del sistema linfatico danneggiato.

La Chirurgia attuale, al massimo, tenta di bypassare la parte danneggiata con degli shunt venosi (delle connessioni artificiali tra vasi linfatici e vene), ma gli esiti sono quasi sempre pessimi, e l’evidenza scientifica di questa tecnica è fumosa e non nota.

Un’altra tecnica che a volte viene proposta al paziente è l’auto-trapianto dei linfonodi, prelevati da una sede sana per ‘rimpolpare’ la zona danneggiata dall’intervento oncologico.
Anche in questo caso, i risultati finali sono spesso inutili, se non addirittura dannosi, poiché viene danneggiata anche un’altra parte del corpo (sede donatrice) invece sana.

Nell’esperienza clinica della Dott.ssa Luisella Troyer, oltre il 90% dei pazienti linfatici che hanno accettato di sottoporsi a questi interventi chirurgici non solo non hanno tratto nessun beneficio dall’operazione, ma anzi hanno visto un peggioramento della loro condizione.

Soffri di linfedema?
Chiedimi aiuto ora

Non c’è quindi una cura per un paziente oncologico che ha sviluppato un linfedema?

Il trattamento del linfedema a Milano
Pazienti che hanno sviluppato un linfedema dopo trattamento oncologico

Al momento, no.
Come detto, l’unica cura certa (per definizione stessa di ‘cura’ in campo medico) sarebbe quella di ripristinare il corretto drenaggio della linfa nella zona colpita dall’affezione.

Ciò dovrebbe prevedere una ricostruzione e rigenerazione dei vasi danneggiati e delle linfoghiandole rimosse, che al momento non è tecnicamente possibile.

Non è possibile parlare quindi di ‘cura’ per il linfedema, poiché l’origine della malattia è dato da un problema funzionale e idraulico, che (sempre al momento) non è possibile risolvere.

Soffri di linfedema?
Chiedimi aiuto ora

La radioterapia post tumorale può danneggiare il sistema linfatico?

Sì, può.
Sebbene le radioterapie moderne siano eccezionalmente precise, con molti meno effetti collaterali rispetto al passato, le radiazioni ionizzanti utilizzate per distruggere le zone colpite da neoplasia possono danneggiare anche i tessuti sani limitrofi.

Ciò vuol dire che anche i linfonodi e i vasi linfatici vicini alla zona d’irradiamento possono essere colpiti, e quindi distruggersi.

Soffri di linfedema?
Chiedimi aiuto ora

Se non c’è una cura per i pazienti oncologici che hanno sviluppato il linfedema, esiste almeno una terapia palliativa?

Il trattamento del linfedema a Milano

Sì, fortunatamente esiste, e si chiama Terapia Complessa Decongestiva.
Consiste in una serie di terapie singole, usate in combinazione tra di loro per ottenere un unico risultato: la decongestione del linfedema.

Non è una terapia curativa, ma aiuta i pazienti a ritornare ad una buona (spesso, eccellente) qualità di vita e a ridurre la stasi linfatica.

La Terapia Complessa Decongestiva si basa su un protocollo che prevede:

  • Cura ed igiene della cute;
  • Linfodrenaggio manuale;
  • Linfobendaggio compressivo;
  • Ginnastica decongestionante

È effettuata esclusivamente su prescrizione medica, da fisioterapisti con grande esperienza, e sotto stretto controllo medico.
Lo scopo della Terapia Complessa Decongestiva è quello di fare sgonfiare il linfedema indirizzando la linfa verso le parti ancora sane del sistema linfatico, che possono drenarla.

Contestualmente al drenaggio, viene posta estrema cura nell’igiene della cute (parte particolarmente sensibile di ogni paziente linfatico), per evitare pericolose lesioni, gemizi ed ulcere, che potrebbero inficiare sull’efficacia della terapia e, non di meno, peggiorare la condizione generale del paziente.

La Terapia Complessa Decongestionante può essere d’urto (nei casi di linfedema con abnorme stasi linfatica) oppure mantenitiva.

Alla terapia va sempre associato l’uso dei tutori elastici, che il paziente deve costantemente indossare e che servono proprio ad evitare di vanificare gli sforzi attuati in fase di decongestione.

Il trattamento del linfedema a Milano
Il cosiddetto "Tempio della Fisioterapia Complessa Decongestionante".
I quattro pilastri rappresentano la struttura portante della terapia, e sono:
1. Cura ed igiene della cute;
2. Linfodrenaggio manuale;
3. Bendaggio compressivo;
4. Ginnastica decongestiva
Affinché il 'tempio' sia eretto e stabile, è necessaria la presenza di tutti e quattro i pilastri
Soffri di linfedema?
Chiedimi aiuto ora

La Terapia Complessa Decongestiva è coperta dal Sistema Sanitario Nazionale?

Sì, la Terapia Complessa Decongestiva è mutuabile, quindi può essere eseguita a spese del Sistema Sanitario Nazionale.
É una di quelle terapie che rientrano nell'ottica MAC (Macro Assistenza Ambulatoriale), e come tale è solitamente erogata in strutture capaci di accogliere pazienti necessitanti di riabilitazione.
Questo però sulla carta.

Nella realtà dei fatti, non sempre è così.

L'Italia difatti sconta un enorme e grave ritardo, sia a livello organico che strutturale, nell'assistenza dei pazienti oncologici affetti da linfedema.

Le risorse umane sono in generale insufficienti e mal formate, c'è un'oggettiva difficoltà nel realizzare strutture di terapia specializzate (come in Germania), c'è un'apatia diffusa nel mondo Clinico e un disinteresse scientifico che hanno pochi eguali in tutti gli altri paesi avanzati europei.

In altre parole: mancano strutture, fondi, personale medico, sanitario e tecnico adeguatamente formato e preparato.

Ciò si traduce in tempi di attesa spesso insostenibili per i pazienti oncologici che hanno sviluppato un linfedema, che possono arrivare (nelle grandi città come Roma o Milano) a superare l'anno di attesa.

A questo si deve aggiungere la perenne mancanza di fondi e rimborsi adeguati per i pochi Medici e fisioterapisti preparati, che quindi sono spesso costretti a virare su altre specialistiche della Medicina.

Ecco perché, sovente, sebbene coperta dal Servizio Sanitario Nazionale, la Terapia Complessa Decongestiva in una struttura pubblica o convenzionata è di fatto impossibile per il paziente, che deve quindi ripiegare nel settore privato.

Quest'atavica mancanza di attenzione, che spesso sfocia nel menefreghismo e nel lassismo, per migliaia di pazienti oncologici affetti da linfedema è un'onta per tutto il Sistema Sanitario Nazionale, che la Dott.ssa Luisella Troyer denuncia senza sosta da ormai più di due decenni.

Soffri di linfedema?
Chiedimi aiuto ora

Cosa sono i tutori elastici per il linfedema?

I tutori elastici sono l’arma principale per combattere la stasi linfatica, e vengono usati in combinazione con la Terapia Complessa Decongestionante.

Sono dei bracciali, dei gambaletti o dei collant (possono essere realizzati per qualsiasi parte del corpo) realizzati con uno speciale tessuto elastico a trama piatta, che esercita una compressione graduata sulla parte affetta da linfedema.

Tale compressione fa le veci del sistema linfatico, o meglio: della parte danneggiata del sistema linfatico.
Ne consegue una ‘spinta’ artificiale della linfa verso il dotto linfatico, che impedisce (od allevia) la stasi linfatica.

Usati in combinazione con la Terapia Complessa Decongestionante e costanti controlli medici, i tutori elastici sono indispensabili per garantire al paziente affetto da linfedema una buona qualità di vita, che in molti casi può diventare anche eccellente.

Soffri di linfedema?
Chiedimi aiuto ora

Qual’è il Medico che può aiutarmi in caso di linfedema post-operazione oncologica?

In Italia, la Linfologia è un sotto-settore dell’Angiologia, che a sua volta è compresa nella Chirurgia Vascolare.
Di conseguenza, il Medico adatto per trattare i pazienti affetti da linfedema è il Chirurgo Vascolare, sempre a patto che questi sia preparato e specializzato anche in Linfologia.

Ancora, la Linfologia per i pazienti oncologici è un’ulteriore specializzazione, che richiede non solo appositi master, ma anche (e soprattutto) grande esperienza pregressa.

In aggiunta, il Medico specializzato proprio nei casi di linfedema in pazienti oncologici deve necessariamente essere dotato di un’equipe di fisioterapisti d’eccellenza, a loro volta specializzati nella Terapia Complessa Decongestiva.
Anche i tecnici specializzati nella realizzazione dei tutori elastici sono altresì importanti, e il Medico deve quindi conoscere personale qualificato, in grado di realizzare i supporti necessari per il paziente.

Tali sinergie risultano indispensabili per somministrare al paziente i trattamenti necessari, e ripristinare quindi una buona qualità di vita.

Soffri di linfedema?
Chiedimi aiuto ora
Chirurgia Vascolare, angiologia e terapia del linfedema a Milano
Quindi ricorda che...
  • Il sistema linfatico è la struttura a supporto dei tessuti del corpo, che si occupa del recupero e del drenaggio della linfa;
  • La linfa è la sostanza di scarto prodotta dal metabolismo, composta principalmente da proteine, lipidi, acqua e anticorpi;
  • Nel corpo umano in 24 ore transitano circa 2 litri di linfa;
  • Il sistema linfatico è composto da sottili e ramificati vasi, con stazioni ghiandolari (linfonodi) sparse in tutto il corpo;
  • Altro compito del sistema linfatico è quello di veicolare la risposta immunitaria (linfociti) per tutto il corpo, sfruttando la memoria immunologica dei linfonodi;
  • Quando il sistema linfatico viene danneggiato e di conseguenza la linfa non viene sufficientemente drenata, può svilupparsi una stasi linfatica, che prende il nome di linfedema;
  • Negli interventi oncologici per la rimozione di un tumore, il protocollo di riferimento può prevedere l'asportazione delle stazioni linfonodali vicine alla massa neoplastica;
  • Statisticamente, il 20% dei pazienti che hanno subito un intervento di rimozione oncologica sviluppa un linfedema;
  • Non è possibile prevedere a priori se un paziente oncologico svilupperà o meno un linfedema;
  • Il linfedema sviluppato dopo un intervento di rimozione tumorale prende il nome di linfedema acquisito (o secondario), e può svilupparsi anche dopo molti anni dall'intervento che ha danneggiato il sistema linfatico;
  • Non esiste attualmente una cura definitiva per il linfedema, ma solo terapie di supporto;
  • Una volta danneggiato, allo stato attuale della scienza non è ancora possibile ricostruire il sistema linfatico;
  • Il linfedema post intervento oncologico può essere trattato con la Terapia Complessa Decongestiva;
  • L'uso dei tutori elastici, unito alla Terapia Complessa Decongestiva, permette al paziente affetto da linfedema di poter tornare ad un'ottima qualità di vita;
  • Il Medico specializzato nel trattamento del linfedema è il Chirurgo Vascolare con esperienza in Linfologia;
  • Esiste una sotto-specializzazione di alto livello proprio per i pazienti oncologici affetti da linfedema, e si chiama Oncologia Linfatica

Soffri di linfedema a Milano dopo un intervento tumorale? Posso aiutarti

Contatta il tuo chirurgo vascolare a Milano

Il mio studio di Milano è specializzato nella diagnosi e nel trattamento di tutte le patologie del sistema vascolare e linfatico, con un'elevata attenzione nel trattamento del linfedema, sia primario che secondario, successivo ad interventi oncologici.

Sono un Chirurgo Vascolare specializzato in Linfologia Oncologica, e da molti anni mi occupo di tutti i pazienti che hanno sviluppato un linfedema dopo un intervento chirurgico di rimozione tumorale.

Da me troverai le più moderne strumentazioni per l'analisi non invasiva delle patologie vascolari con apparecchiature di alto livello, oltreché avrai tutto il supporto ed il follow-up necessario, con trattamento personalizzato, per aiutarti a diagnosticare e curare per tempo la tua problematica.

Nel mio team specialistico sono presenti fisioterapisti di alta qualità e di grande esperienza nel trattamento del linfedema, che potranno aiutarti a stare meglio con la Terapia Complessa Decongestiva.

Vent'anni di chirurgia vascolare e migliaia di casi clinici trattati con successo, l'eccellenza nella cura delle linfopatie e trent'anni di esperienza medica sempre al tuo servizio.

La Dott.ssa Luisella Troyer è un Chirurgo Vascolare specializzata nelle patologie linfatiche, in oncologia linfatica e in vulnologia.

Nella sua trentennale professione si è focalizzata sulla cura e sul trattamento (anche chirurgico) delle lesioni croniche a decorso ulcerativo, sulla corretta diagnosi e terapia del linfedema e sulla particolare cura e gestione del paziente oncologico pre e post chirurgia.

È uno dei pochi Medici in Italia ad occuparsi della complicata gestione dei pazienti con linfedema primitivo (congenito), e particolare attenzione è stata sempre rivolta alla diagnosi e alla gestione della paziente affetta da lipedema, malattia per la quale la Dottoressa ha sempre richiesto l’adeguato riconoscimento come reale patologia, distaccata dalla semplice obesità o adiposità localizzata.

Il suo approccio terapeutico per i pazienti linfatici è basato sulla Terapia Complessa Decongestionante, e su un follow-up preciso, puntuale e costante, comprensivo di particolare riguardo alla cura della cute e al linfobendaggio.

Come Medico Estetico, la Dottoressa si è specializzata in particolare riguardo sul benessere e la salute delle gambe, ideando nuovi approcci chirurgici per la risoluzione del lipedema (la Liposuzione a Zone Selettive) e il protocollo estetico ElastSkin, per la riduzione significativa della cellulite e della lassità cutanea di cosce e caviglie.

La Dott.ssa Luisella Troyer è Chirurgo d’Urgenza nel reparto vulnologico del Piede Diabetico dell’Istituto Clinico Città Studi di Milano, e visita privatamente presso il suo studio Salus Mea in centro città, in Via della Moscova 60.

Specializzata anche in proctologia e nella risoluzione della patologia emorroidale, nel suo studio risolve i casi più complicati emorroidi patologiche, utilizzando l'avanzata tecnica a scleromousse stabilizzata con aria sterilizzata.

Nel suo ambulatorio privato, eroga terapie avanzate per la riduzione del pannicolo adiposo di cosce e glutei, terapie sclerosanti e Terapia Complessa Decongestionante.
A Milano, se sei affetto da una ferita cronica che non guarisce, soffri di stasi linfatica, un accumulo abnorme di grasso, varici e vene varicose o semplicemente vuoi il benessere per le tue gambe, la Dott.ssa Luisella Troyer può aiutarti: semplicemente, chiamala.

Vuoi parlare con la Dottoressa?
La Dottoressa è qui per aiutarti.
Lasciale ora il tuo numero, e ti richiamerà subito.* *Compatibilmente con la gestione dei pazienti e degli interventi medici e chirurgici

Soffri di pelle delle gambe cadente, prolassata e disidratata?
Affidati all'eccellenza medica del protocollo ElastSkin

Medicina estetica e lifting della pelle a Milano

ElastSkin è il protocollo medico-estetico ideato dalla Dott.ssa Luisella Troyer, che consente di riportare elasticità, tono e idratazione della pelle ad alti livelli, senza ricorrere alla Chirurgia Plastica.

Il protocollo, ideato dalla Dott.ssa Troyer dopo la sua lunga esperienza con i più noti inestetismi delle gambe, può essere applicato con successo anche alle pazienti affette da cellulite, lipedema e invecchiamento precoce della pelle.

I risultati sono sbalorditivi: pelle immediatamente più tonica, più liscia, più idratata e più elastica.
Senza dolore, senza chirurgia: solo con la tua nuova pelle bellissima, come sei tu.

Clicca qui e chiama il 348.96.89.650 per richiedere un trattamento ElastSkin!

Non puoi pagare subito un trattamento?
La Dottoressa ti permette di pagare con calma, senza interessi

Medicina estetica e lifting della pelle a Milano

La Dott.ssa Luisella Troyer è prima di tutto un Medico, che ha dedicato la sua intera vita professionale alla Medicina, e al benessere dei propri pazienti.

Ciò vuol dire che, per lei, il mero guadagno è totalmente secondario alla salute dei pazienti. Anche di quelli che, per le mille difficoltà della vita, avrebbero bisogno di trattamenti che non possono però onorare sul momento.

Perciò, ogni trattamento della Dottoressa può essere pagato senza finanziamento, senza alcun tipo di interessi e senza lucro, ratealmente da tre a dodici mesi.
Senza intercessione bancaria e senza finanziarie: solo con la garanzia del rapporto fiduciario Medico-paziente.
Affinché tu stia semplicemente bene, a prescindere dalla tua capacità di spesa.

Clicca qui e chiama il 348.96.89.650 per avere tutte le informazioni sui pagamenti rateali!

Hai paura di perdere i risultati ottenuti con tanto sforzo?
La Dottoressa ti aiuta: pacchetti mantenimento 12 mesi tutto incluso

Medicina estetica e lifting della pelle a Milano

La Dott.ssa Luisella Troyer è un Medico che opera in scienza e coscienza, sempre.

Sa perfettamente che molti trattamenti, anche se estremamente efficaci, hanno bisogno di regolare manutenzione nel tempo, per non perdere i vantaggi ottenuti, spesso con molto sforzo.

Ecco perché, per ogni trattamento con protocollo ElastSkin (Radiofrequenza Medica, Elettroporazione Medica, ultrasuoni HiFu) ti propone un conveniente e vantaggioso piano di mantenimento, che copre tutti e 12 i mesi dell'anno.
Ad un costo calmierato, nell'esclusivo interesse della tua salute.

Così tu non dovrai preoccuparti di nulla, e le tue gambe rimarranno sempre belle e in salute: gli operatori specializzati e i Clinici dell'equipe della Dottoressa si prenderanno cura di te con un piano di mantenimento personalizzato, che ti consentirà di rilassarti ed essere sempre sicura, curata e in salute.

Perché per la Dottoressa tu non sei una semplice paziente: sei un'amica e una persona speciale, da proteggere ed aiutare tutto l'anno.
Proprio come i veri amici fanno.
E la Dottoressa è sempre tua amica, una vera amica.

Clicca qui e chiama il 348.96.89.650 per richiedere il tuo piano di mantenimento personalizzato!

Sei incinta e hai le gambe gonfie e dolenti?
La Dottoressa è qui per aiutare te e il tuo bambino

Cura delle vene varicose e delle caviglie gonfie per le donne in gravidanza

La Dott.ssa Luisella Troyer ha giurato di proteggere la tua vita e la tua salute, sempre.
Anche, e forse soprattutto, in un momento estremamente importante e delicato, come quello che ti sta portando a divenire mamma.

La Dottoressa sa bene che, durante la gravidanza, le tue gambe sono costantemente provate dal peso del tuo bambino.
Questo le porta a divenire spesso gonfie, dolenti, pesanti.

In molti casi, la gravidanza è l’inizio di una degenerazione dei tessuti delle vene della futura mamma, che sfocia poi in una cronica insufficienza venosa, con la comparsa di dolenti vene varicose.

Proprio per questo, dal frutto della sua trentennale esperienza, la Dottoressa ha ideato il protocollo medico “Mamma Protetta”, che può aiutarti a prevenire le patologie vascolari e a preservare la salute delle tue gambe.

Per gambe belle, sane e in salute anche nel periodo più speciale della tua vita: la Dottoressa è sempre con te!

Clicca qui e scopri il protocollo "Mamma Protetta" per la salute delle tue gambe in gravidanza!

Soffri di emorroidi patologiche e dolorose?
La Dottoressa può aiutarti a risolverle per sempre

Cura delle emorroidi patologiche a Milano

La Dott.ssa Luisella Troyer è un Chirurgo Vascolare specializzata in Proctologia avanzata.

Nel suo studio di Via della Moscova somministra trattamenti di ultima generazione per la cura delle emorroidi patologiche, del tutto indolori.

Potrai quindi eliminare definitivamente le tue emorroidi che ti tormentano da tanto tempo, con il trattamento avanzato di scleromousse stabilizzata con aria sterilizzata.

Veloce, sicuro, definitivo, totalmente indolore: finalmente, l'unica valida alternativa all'intervento chirurgico.

Dall'esperienza medica d'eccellenza, un trattamento di alta qualità per liberarti per sempre dal problema delle emorroidi.

Clicca qui e scopri come liberarti per sempre e senza dolore dalle tue emorroidi!

Hai varici grandi ed antiestetiche sulle gambe?
La Dottoressa può eliminarle senza chirurgia e senza dolore

Cura delle emorroidi patologiche a Milano

La Dott.ssa Luisella Troyer è specializzata nel rimuovere vene varicose anche di grandi dimensioni senza ricorrere alla chirurgia, con trattamenti mini-invasivi e totalmente indolore.

Trent'anni di esperienza medica e continua ricerca scientifica di alto livello le hanno permesso di padroneggiare le migliori terapie sclerosanti a guida ecografica, efficaci, sicure e rapide, per risolvere anche i casi più complicati di vene varicose.

Nello studio della Dottoressa potrai ripristinare la bellezza e la funzionalità delle tue gambe, eliminando per sempre le anti-estetiche e pericolose varici in tutta tranquillità, con sedute indolore e di breve durata.

Affinché tu possa tornare a stare bene con le tue gambe, senza più dolori, pruriti o pesantezza, tipici delle vene varicose.

La grande medicina angiologica sicura, affidabile ed efficace, frutto della costante ricerca medica.

Clicca qui e scopri come liberarti per sempre e senza dolore dalle tue varici!

Hai una polizza assicurativa Unisalute?
La Dott.ssa Luisella Troyer è un Medico convenzionato

Medico convenzionato con Unisalute

Se hai una polizza Unisalute, puoi effettuare una visita in convenzione con la Dott.ssa Luisella Troyer.
La Dott.ssa Luisella Troyer è infatti un Medico convenzionato con Unisalute: le visite ed i trattamenti della Dottoressa in regime ospedaliero possono quindi esserti rimborsati o direttamente prenotati dalla tua assicurazione, secondo il tuo piano sanitario.
Chiedi tutte le info al nostro centralino chiamando il 348.96.89.650: saremo felici di aiutarti.

Condividi questa pagina

Vuoi prenotare una visita con me online? Fallo da qui

Se vuoi prenotare rapidamente una visita con me nel mio studio di Milano in Via della Moscova, 60 (fermata MM2 Moscova), puoi farlo comodamente da qui.
Clicca sul pulsante PRENOTA UNA VISITA qui in basso, e scegli il primo appuntamento disponibile in modalità sicura e protetta, grazie a Miodottore.it

Luisella Troyer - MioDottore.it

Mandami un messaggio. Sono qui per aiutarti.

Angiologo Milano - Cura del linfedema e del lipedema

Compila il modulo sottostante e verrai ricontattato entro 24 ore.
Ricorda che, per obblighi deontologici (e anche per buon senso) non posso effettuare diagnosi a distanza.
Tutti i miei eventuali consigli o pareri non potranno mai sostituire una visita specialistica.

Tutti i campi con * sono obbligatori.

*

Questo modulo è sicuro e protetto da Google reCAPTCHA
Le tue gambe belle,
come le hai sempre desiderate.
La Dottoressa specializzata solo per le tue gambe, da oltre 30 anni.
Le tue gambe belle,
come le hai sempre desiderate.
La Dottoressa specializzata solo per le tue gambe, da oltre 30 anni.
I miei pazienti dicono:
‟La sua umanità e la sua comprensione per la mia patologia sono qualità a cui non do davvero prezzo. Grazie Dottoressa.” Giovanni
‟A Milano, ma credo anche in Italia, è dura trovare medici specializzati in linfologia come la Dottoressa Troyer. Consigliatissima." Enzo
‟Secondo me la medicina deve essere anche così: il supporto psicologico al paziente è fondamentale, almeno per me." Luca