Dott.ssa Luisella Troyer
Chirurgo Vascolare Angiologo a MilanoAngiologo a Milano

Specializzata in linfedema e lipedema

Migliaia di casi clinici trattati con successo.
20 anni di Chirurgia Vascolare.
Alta diagnostica non invasiva.
L'eccellenza nella cura delle linfopatie.
La costante ricerca medica sul lipedema.
Oltre trent'anni d'esperienza per curarti.
Il tuo Angiologo a Milano.

Dottoressa Luisella Troyer Chirurgo Vascolare a Milano

Hai un problema?
Chiedi aiuto alla
Dott.ssa Luisella Troyer.
È QUI PER AIUTARTI,
SEMPRE.

Richiedi ora l'aiuto della
Dott.ssa Luisella Troyer
Lasciaci ora il tuo numero, e ti richiameremo subito.
Riceverai una chiamata entro 24 ore

I miei pazienti dicono:
‟Non sono brava con le parole, figuriamoci le recensioni, ma non potevo risparmiarmi dal ringraziare questa persona stupenda!” Germana
‟Ulcera venosa bruttissima: posso dire che se ho ancora la caviglia attaccata alla gamba è senz'altro per l'enorme pazienza che la Dottoressa ha avuto con me.
Questa recensione è quindi doverosa"
Egisto
‟Mi ha dato degli ottimi consigli per evitare che la mia patologia, il diabete, che mi tormenta da anni, finisca poi col distruggermi anche i piedi.
Sicuramente sarà lei il mio medico di riferimento per il futuro."
Grazia

Attenzione: quest'articolo tratta di materie a carattere medico scientifico.
Per quanto le informazioni in esso contenute siano state selezionate e riportate con cura e con la massima precisione scientifica, non possono e non potranno mai sostituire il parere medico o una visita medica specialistica, e debbono pertanto essere utilizzate per uso esclusivamente informativo.
In caso di dubbi e o domande, chiedi sempre consiglio ad un medico.

Quest'articolo è stato aggiornato dalla Dott.ssa Luisella Troyer il giorno: lunedì 06 dicembre, 2021

Luisella Troyer - MioDottore.it

Le linfangiti

Il trattamento del linfedema a Milano

Il sistema linfatico è un complesso sistema indispensabile alla vita di tutti i mammiferi, uomo incluso.
È un fitto reticolato formato da sottilissimi vasi linfatici, collegati a particolari strutture (linfonodi) e specifici organi, come il timo, la milza e le tonsille.
Il sistema linfatico ha tante funzioni essenziali alla sopravvivenza, tra cui il riassorbimento della linfa e, non meno fondamentale, la protezione dell’organismo dagli agenti infettivi.

Come qualsiasi altra parte del corpo, però, anche il sistema linfatico può danneggiarsi, a volte anche per cause esterne.
Quando, per un danno del sistema linfatico, la linfa non viene normalmente drenata, la parte del corpo che subisce l’accumulo linfatico può infettarsi.
Leggi questa pagina per scoprire da cosa origina una linfangite, come si può diagnosticare ed, eventualmente, trattare.

Il sistema di difesa della vita

Il sistema linfatico umano
Lo schema del sistema linfatico umano

Il sistema linfatico è un articolatissimo e ramificato intreccio di piccolissimi vasi, trasparenti, che ricopre tutto il nostro corpo, ed è posizionato sotto la pelle e poco sopra della fascia muscolare.
I piccoli vasi sono collegati tra di loro attraverso un complesso sistema di diramazioni, con delle speciali ‘stazioni di passaggio’ che prendono il nome di linfonodi.

Un essere umano in salute ha linfonodi posizionati in tutto il corpo, soprattutto nell’area del collo e del sotto-collo, delle ascelle e dell’inguine.
Il compito primario dei linfonodi è essenzialmente quello di essere speciali memorie biologiche: i piccoli organi sono infatti capaci di memorizzare ogni ricordo genetico di qualsivoglia organismo che è penetrato nel corpo e, all’occorrenza, produrre l’immediata risposta immunitaria per contrastarlo, sotto forma di anticorpi.
Da questo, si può capire l’importanza estrema dei linfonodi: senza di essi, i mammiferi non sarebbero capaci di ‘memorizzare’ il DNA degli agenti infettivi con cui vengono in contatto, né di produrre le necessarie risposte immunitarie.

Gli anticorpi prodotti dai linfonodi sono inviati poi nel corpo, dove serve, sfruttando il sistema linfatico stesso, il cui altro compito fondamentale è permettere il recupero della linfa prodotta dagli interstizi degli organi.
La linfa è un composto trasparente, un liquido a base acquosa, contenente principalmente materiale proteico, prodotto come scarto del metabolismo dei tessuti degli organi.
Il sistema linfatico, che è un sistema aperto al contrario di quello sanguigno, per mezzo di appositi vasi, ‘risucchia’ la linfa negli interstizi degli organi e la riversa nel flusso sanguigno, impedendo quindi la ritenzione idrica.

Senza il sistema linfatico, oltre che sprovvisti di un canale veloce per la spedizione degli anticorpi, noi mammiferi ci gonfieremmo come veri e propri palloncini entro poche ore, finendo poi intossicati dalla nostra stessa linfa.
Ecco l’importanza estrema di un sistema che è fondamentale per la nostra vita, e che è bene tenere sempre efficiente ed in perfetto funzionamento.

L’infezione del sistema linfatico: la linfangite

Il trattamento del linfedema a Milano

La linfangite è un’infezione o infiammazione del sistema linfatico, causata da un attacco microbico, solitamente per colpa dei batteri streptococchi.
I batteri possono penetrare nel sistema linfatico di solito grazie ad abrasioni e tagli, a volte anche a causa della puntura di un insetto.
Sebbene gli streptococchi siano la famiglia batterica solitamente più comune nelle linfangiti, esse possono in realtà essere causate da una qualsiasi altra forma microbica, come lo stafilococco, e altri microbi.

Come si presenta la linfangite?

Il trattamento del linfedema a Milano

L’infezione di un tratto del sistema linfatico ha elementi tipici e caratterizzanti, ben riconosciuti dal Medico Linfologo o comunque da un medico con esperienza pregressa nella patologia.
In prossimità dell’infezione si sviluppano lesioni, rosse, calde e dolenti, di gravità variabile a seconda del tipo di linfangite.

Le linfangiti lievi sono caratterizzate da comparsa di puntini o macchie rossastre, localizzate nella zona dove è presente l’anomalo gonfiore e sede dell’infezione.
A corredo delle macchie, si può manifestate febbre moderata o febbricola, al di sotto dei 38°C.

Il trattamento del linfedema a Milano
Grave linfangite con infezione batterica su linfedema al IV stadio

La linfangite severa è invece caratterizzata dalla comparsa improvvisa di brividi scuotenti e febbre alta, superiore ai 38°C.
Dopo poche ore dalla comparsa dei primi sintomi, sopraggiunge l’edema alla zona oggetto dell’infezione, che si gonfia, diventa molto dolente, molto arrossata e calda.

Una rara forma di linfangite è invece caratterizzata da anomale striature rossastre, che si diramano dalla zona dell’infezione lungo le vie linfatiche.
Può comparire a corredo febbre.

Qual’è la terapia per la linfangite?

La terapia per l’infezione linfatica è dipesa dalla sua gravità.
Le linfangiti lievi, con febbre moderata inferiore ai 38°C, si curano generalmente con antinfiammatori e riposo assoluto.
Le linfangiti severe richiedono invece il ricorso agli antibiotici, antinfiammatori e, anche in questo caso, riposo assoluto.

In genere e nelle prime fasi della malattia, sulla pelle affetta da linfangite non si applica nulla, poiché la cute e il sottocute sono infiammati.
In un secondo momento, può essere previsto un trattamento topico, con l’uso di creme lenitive.

Dopo la risoluzione della fase acuta, è comunque sempre obbligatorio indagare le cause della linfangite, per identificare (nel caso) il blocco linfatico che ha dato origine all’infezione.

Va ricordato che la linfangite è una conseguenza, il cui problema a monte è un danneggiamento del sistema linfatico: ciò può essere causato a sua volta da una malformazione congenita (linfedema primitivo) oppure da un intervento esterno, come un’asportazione di una neoplasia.

Perché le linfangiti sono comuni nei pazienti affetti da linfedema?

Il trattamento del linfedema a Milano

Il linfedema è una stasi (ristagno) della linfa, causato da un problema di drenaggio del sistema linfatico.
Ciò può avvenire per una malformazione presente sin dalla nascita (linfedema primitivo) oppure dopo un intervento oncologico, dove vengono asportati i linfonodi vicini alla formazione tumorale.

L’asportazione dei linfonodi può causare un ristagno della linfa, aggravato dal fatto che la zona, non più protetta dai linfonodi, è maggiormente suscettibile all’attacco di agenti esterni.

Il paziente affetto da linfedema deve stare quindi particolarmente attento a graffi, piccoli tagli, abrasioni e soprattutto alle punture d’insetto.
Le punture d’insetto sono particolarmente pericolose perché, specie nelle punture da zanzara, la zona colpita generalmente si irrita, prude e il paziente quindi si gratta, infettando la ferita con i batteri presenti sulle mani e sulle unghie.

Come fare per prevenire le linfangiti?

Il trattamento del linfedema a Milano

La linfangite è la punta dell’iceberg di un problema molto più complesso, cioè il danneggiamento del sistema linfatico.
I pazienti affetti da linfedema sono naturalmente portati alle infezioni degli arti colpiti dal ristagno della linfa, e si parla quindi di una vera e propria immunodeficienza acquisita.

Appurato questo, la prevenzione delle linfangiti è conseguente.
Il paziente deve cercare di evitare in tutti i modi traumatismi della cute, anche i più lievi.
Tagli, abrasioni, graffi, manicure e pedicure, le già citate punture d’insetto: qualsiasi cosa che possa lesionare, anche in minima parte, la cute deve essere accuratamente evitata.

Ogni lesione, anche piccolissima, va immediatamente medicata e disinfettata e, nel caso delle punture di zanzara o di altri insetti che rilasciano sostanze pruriginose, la parte va subito coperta, disinfettata e assolutamente non grattata.

La prevenzione risulta fondamentale non solo per evitare la fase acuta della linfangite, ma anche per preservare la rimanente funzionalità del sistema linfatico.
Ogni linfangite, infatti, peggiora la stasi linfatica di tutto il sistema, e va quindi ad aggiungere danno al danno.
Ecco perché ogni linfangite prevenuta è, di fatto, già una terapia.

Cosa devo fare se vengo punto da un insetto e comincio ad avere febbre, rigonfiamento ed arrossamento della parte lesionata?

Il trattamento del linfedema a Milano

In caso di puntura di un insetto che ti fa venire febbre (anche moderata), brividi, dolore eccessivo nella zona della puntura, rigonfiamento ed arrossamento del braccio o della gamba dove sei stato punto, devi rivolgerti quanto prima al controllo medico, possibilmente presso uno specialista Linfologo.
Le possibilità di sviluppare una linfangite, soprattutto per pazienti con già accertati ed evidenti problemi da ritenzione linfatica, sono molto alte, e quindi l'intervento medico d'urgenza è vincolante.

Ricorda che ogni linfangite peggiora la condizione totale del tuo sistema linfatico: se è già compromesso, ad esempio dopo un intervento oncologico in cui sono stati asportati i linfonodi, il tuo sistema linfatico è più debole e delicato del normale, e deve essere assolutamente preservato.
Evitargli infiammazioni ed infezioni è la prima regola, che dovresti sempre tenere bene a mente.

La linfangite non è una patologia che regredisce da sola, ed è peggiorativa: la sua risoluzione richiede sempre un intervento farmacologico, e la terapia giusta è decisa dallo specialista Linfologo.
Se dopo essere stato punto da un insetto sperimenti i sintomi poco sopra esposti, non devi perdere tempo: recati immediatamente dal medico, se puoi da un Linfologo, e fatti visitare.

I buoni consigli per prevenire le linfangiti

Come qualsiasi altra infezione batterica, anche una linfangite può essere prevenuta: basta seguire delle semplici regole comportamentali, che impediranno ai batteri di attaccare in grande quantità la zona del tuo corpo immunodepressa.
Qui di seguito trovererai un breve lista di buone regole, che dovresti sempre seguire.
L'attuazione di tali regole, peraltro veramente facili da seguire, non elimina il rischio di linfangite, ma lo riduce drasticamente.
E questo, per il tuo sistema linfatico non è niente altro che un bene.

Se sei affetto da linfedema, previeni le linfangiti seguendo queste regole:

  • Evita tagli, abrasioni e lacerazioni della pelle, soprattutto a braccia e gambe;
  • Esegui una manicure e pedicure costante ed accurata, e tenendo quanto più possibile pulite le unghie delle mani;
  • Prenditi cura giornalmente della tua pelle, soprattutto quella di piedi e gambe, eseguendo la pulizia periodica con acqua e detergente leggermente acido (ricordati di asciugare bene i piedi e le gambe dopo la pulizia);
  • Se il medico te l'ha prescritta, esegui la Terapia Decongestiva periodica, per evitare il formarsi di stasi linfatica;
  • Esegui controlli periodici dal tuo medico Linfologo, secondo il piano terapeutico che hai concordato;
  • Se noti una piccola ferita od abrasione sull'arto affetto da linfedema, disinfettala, medicala e poi prenota immediatamente una visita specialistica dal tuo Linfologo, o comunque recati quanto prima dal tuo medico curante;
  • D'estate, utilizza tutti i rimedi possibili contro i parassiti aerei (zanzariere e repellenti);
  • Nella stagione calda, se puoi, evita d'uscire nelle ore serali, e quando lo fai assicurati di essere protetto con repellenti contro i parassiti esterni, e con vestiti possibilmente lunghi e freschi (il lino o il puro cotone sono ottimi);
  • Se un insetto ti punge in zona adiacente al linfedema, evita in ogni modo di grattarti la lesione, e recati d'urgenza dal tuo medico curante
Vascologia, angiologia e terapia del linfedema a Milano
Quindi ricorda che...
  • Il sistema linfatico ha il duplice compito di protezione dell'organismo e di drenaggio della linfa prodotta dagli organi;
  • La linfangite è un'infezione di un tratto del sistema linfatico, causta da un attacco batterico;
  • Per infettarsi, il sistema linfatico deve essere già danneggiato, solitamente con una stasi linfatica;
  • Persone con problemi di ritenzione idrica causata da stasi linfatica sono soggette alle linfangiti;
  • La linfangite può essere lieve o severa, a seconda dei sintomi del paziente;
  • Piccoli tagli, abrasioni o anche punture d'insetti possono scatenare, in un paziente predisposto per via del blocco linfatico, una linfangite;
  • Le linfangiti si curano con antinfiammatori, antibiotici e col riposo assoluto;
  • Bisogna sempre cercare di prevenire la linfangite, poiché, oltre al dolore della fase acuta, ogni singola linfangite peggiora ulteriormente il danneggiamento del sistema linfatico

Soffri di linfedema o hai una linfangite a Milano? Posso aiutarti

Contatta il tuo chirurgo vascolare a Milano

Il mio studio di Milano è specializzato nella diagnosi e nel trattamento di tutte le patologie del sistema vascolare e linfatico, con un'elevata attenzione nel trattamento del linfedema.
Da me troverai le più moderne strumentazioni per l'analisi non invasiva delle patologie vascolari con apparecchiature di alto livello, oltreché avrai tutto il supporto ed il follow-up necessario, con trattamento personalizzato, per aiutarti a diagnosticare e curare per tempo la tua problematica.
Vent'anni di chirurgia vascolare e migliaia di casi clinici trattati con successo, l'eccellenza nella cura delle linfopatie e trent'anni di esperienza medica sempre al tuo servizio.

Hai una polizza assicurativa Unisalute?
La Dott.ssa Luisella Troyer è un Medico convenzionato

Se hai una polizza Unisalute, puoi effettuare una visita in convenzione con la Dott.ssa Luisella Troyer.
La Dott.ssa Luisella Troyer è infatti un Medico convenzionato con Unisalute: le visite ed i trattamenti della Dottoressa possono quindi esserti rimborsati dalla tua assicurazione, secondo il tuo piano sanitario.
Chiedi tutte le info al nostro centralino chiamando il 348.96.89.650: saremo felici di aiutarti.

Condividi questa pagina

Vuoi prenotare una visita con me online? Fallo da qui

Se vuoi prenotare rapidamente una visita con me nel mio studio di Milano, in Viale Sabotino 28 (Porta Romana), puoi farlo comodamente da qui.
Clicca sul pulsante PRENOTA UNA VISITA qui in basso, e scegli il primo appuntamento disponibile in modalità sicura e protetta, grazie a Miodottore.it

Luisella Troyer - MioDottore.it

Mandami un messaggio. Sono qui per aiutarti.

Angiologo Milano - Cura del linfedema e del lipedema

Compila il modulo sottostante e verrai ricontattato entro 24 ore.
Ricorda che, per obblighi deontologici (e anche per buon senso) non posso effettuare diagnosi a distanza.
Tutti i miei eventuali consigli o pareri non potranno mai sostituire una visita specialistica.

Tutti i campi con * sono obbligatori.

*

Questo modulo è sicuro e protetto da Google reCAPTCHA
I miei pazienti dicono:
‟Dolorosa e persistente tromboflebite curata in complessità per via di mie altre patologie.
Un medico eccezionale.”
Serena
‟Dopo due diagnosi sbagliate da altri e ben più di un rischio d'embolia, non posso davvero che ringraziare la Dottoressa!" Sabrina
‟Avere le gambe belle non è solo prerogativa femminile, vorrei farlo sapere!
Grazie ancora Dottoressa!"
Daniele